Politica
Commenta

Vaccini, Forattini (PD): "Regione
aggiunge vergogna alla vergogna"

"Pensavamo che con l’arrivo del portale di Poste si potesse fermare l’incredibile serie di inefficienze registrate in Lombardia, ma la Regione fa di tutto per aggiungere vergogna alla vergogna”

“Un’altra beffa ai danni dei più fragili. La Regione annuncia che da oggi si potranno prenotare per il vaccino disabili gravi e persone estremamente vulnerabili non in carico ai reparti ospedalieri, ma da stamattina si registrano numerosi problemi e il portale non riconosce molti codici di patologie perché non sono stati inseriti in elenco”. Così la consigliera regionale del PD Antonella Forattini denuncia l’ennesimo disservizio nella campagna vaccinale della Lombardia.

“In molti – spiega Forattini – non sono riusciti a prenotare perché il sistema non riconosceva i loro codici fiscali e li indicava come categoria non ancora abilitata alla prenotazione. Un ulteriore problema riguarda i caregiver e i familiari delle persone fragili minorenni o già vaccinate che, contrariamente a quanto detto in precedenza, si potranno prenotare non da oggi ma a partire dal 16 aprile”.

“Il presidente Fontana cerca di mettere una pezza dicendo che chi non riesce ad iscriversi dal portale dev rivolgersi al proprio medico di medicina generale per essere inserito nell’elenco di priorità vaccinale. Peccato che i medici non abbiano ricevuto nessuna indicazione e non sappiano come e dove prenotare un disabile”.

“Tanti problemi, errori e informazioni contradditorie anche sui caregiver dei disabili già vaccinati. Il dirigente welfare della Regione Pavesi, ieri, a mia specifica richiesta ha risposto che devono rivolgersi al vax manager dell’Ats locale, con tanto di numero verde e email. Ma almeno a si scarica di nuovo sui medici di base, che non sanno nulla. Pensavamo che con l’arrivo del portale di Poste si potesse fermare l’incredibile serie di inefficienze registrate in Lombardia, ma la Regione fa di tutto per aggiungere vergogna alla vergogna”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti