Feste e turismo
Commenta

Micromacchina, Terre del Po e
voci di casa: App del turismo

Cultura, Gusto, Ambiente, Eventi: la App “Visit Terre del Po” offre ai turisti un’opportunità innovativa per scoprire 21 Comuni dell’Oglio Po e dell’Oltrepò mantovano. Basta scaricarla gratuitamente sul proprio smartphone per avere a disposizione 63 audio-guide, 10 video-interviste, mappe geolocalizzate con 80 schede. GUARDA IL SERVIZIO TG DI CREMONA 1

Una App Turistica, ideata dall’associazione Micromacchina che ha sede a Bozzolo, per scoprire l’Oglio Po e l’Oltrepò mantovano con audio-guide, video-interviste, mappe ed eventi. Nel progetto sono stati coinvolti 50 narratori locali e la App è stata realizzata con il co-finanziamento del Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale, grazie a un bando del Gal Terre del Po. L’applicazione è disponibile su Apple Storie e Google Play e dal sito www.visitterredelpo.it.

Cultura, Gusto, Ambiente, Eventi: la App “Visit Terre del Po” offre ai turisti un’opportunità innovativa per scoprire 21 Comuni dell’Oglio Po e dell’Oltrepò mantovano. Basta scaricarla gratuitamente sul proprio smartphone per avere a disposizione 63 audio-guide, 10 video-interviste, mappe geolocalizzate con 80 schede di attrazioni turistiche e un calendario eventi. E’ pensata per chi queste zone non le ha mai visitate, ma anche per chi è vuole saperne di più sui tesori nascosti a pochi chilometri da casa, nell’ottica di quel turismo di prossimità che in tempo di pandemia si sta sempre più diffondendo.

La particolarità sta nel fatto che a raccontare il territorio sono i cittadini con audio e video-interviste e con 50 narratori locali: storici, architetti, archeologi, responsabili dei musei, fotografi, referenti dei prodotti tipici, imprenditori agricoli… Ciascuno di loro ha dato il proprio contributo con audio, video e foto e adesso è un po’ come se fossero loro, tramite la APP, a fare da guida ai visitatori e a presentare le tante curiosità dell’Oltrepò mantovano e dell’Oglio Po che talvolta nemmeno i residenti conoscono nel dettaglio.

Piazze, pievi, antichi palazzi e torrioni “prendono vita” nella APP riportandoci al tempo di Matilde di Canossa, alla dominazione dei Gonzaga, e poi via via al Rinascimento e al Risorgimento. Ma a farla da padrone sono anche i tanti aneddoti sul fiume Po: dagli argini progettati dal Brunelleschi a Viadana, alle battaglie navali tra Veneziani e Milanesi a Casalmaggiore, ai mulini natanti nell’Oltrepò mantovano, alla ritirata dei tedeschi alla fine della 2° Guerra Mondiale a Felonica, alle piene devastanti, agli impianti idrovori.

La APP valorizza anche i musei locali e dà ampio spazio alla natura del territorio con la segnalazione di parchi golenali e riserve naturali. Una sezione della APP è poi dedicata all’enogastronomia con la presentazione dei prodotti tipici come i Blisogon di Casalmaggiore, il Tirot di Felonica, il Tartufo bianco dell’Oltrepò mantovano, i meloni antichi, il lambrusco viadanese, il salame mantovano, la zucca cappello da Prete, la pera mantovana IGP…

redazione@oglioponrews.it

© Riproduzione riservata
Commenti