Cultura
Commenta

Mostra Cocchi,
Palazzo del BUE riapre

Per motivi di sicurezza l'accesso sarà consentito ad un massimo di 10 persone per volta. È obbligatorio prenotare la visita scrivendo alla mail: comunerivarolomn@gmail.com. La mostra aperta su prenotazione fino a domenica 13 giugno.

Dopo mesi di chiusura Palazzo del BUE riapre con la mostra personale dell’artista Ottorino Cocchi; una mostra antologica a cura di Anna Bottoli e Paolo Guglielmo Conti, in collaborazione con il Museo MuVi di Viadana.

L’antologica di Ottorino Cocchi riflette su quattro temi: le Carte da gioco, Andromeda, le Nebbie e la Trinità. Per ciascuno di questi soggetti, l’artista sviluppa uno studio quasi ossessivo della figura della donna. Si rimane colpiti dall’interpretazione che Cocchi ci offre, occasione per rivelarci la sua realtà, dalla ricerca ripetuta quasi all’infinito del corpo della donna, dal dinamismo delle sue figure e rispettivamente della sua mano.

Le opere di Ottorino Cocchi stanno sul filo che divide la salvezza dalla completa distruzione, sulla soglia indicibile tra l’apparizione e la completa sparizione. Esprime la tensione tra qualcosa che è già accaduto e qualcosa che deve ancora accadere, tra isolamento e ricerca di affetto.

“Nell’odore dei pigmenti e delle tele di juta grezza sono accatastati centinaia di quadri, tra già finiti, sospesi o ripensati, ripresi e rimaneggiati. I dipinti invadono ogni stanza e ogni angolo della casa. Opere accumulate in anni di lavoro. Ottorino è un artista, che dipinge nudi di donna, e seppur la storia dell’arte sia piena di pittori che si sono applicati in tale cimento, credo valga la pena di porre attenzione sulla sua ricerca, dato che i suoi nudi, in realtà, sono pretesto per raccontare storie legate alla natura, alle stagioni, alle congruità e incongruità dell’essere umano”. -Paolo G. Conti

Per motivi di sicurezza l’accesso sarà consentito ad un massimo di 10 persone per volta. È obbligatorio prenotare la visita scrivendo alla mail: comunerivarolomn@gmail.com. La mostra aperta su prenotazione fino a domenica 13 giugno. Lunedì, mercoledì e venerdì 18:00 – 20:00 Sabato e domenica 16:00 – 20:00

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti