Cronaca
Commenta

Casalmaggiore, De Salvo
nuova guida della sezione Alpini

Vincenzo De Salvo subentra a Luigi Taffurelli, nominato consigliere onorario e che dunque farà parte del consiglio assieme a Giuseppe Caletti, Fausto Cirelli, Simone Fabbro, Elena Guaschi, Diego Lupi e Fabrizio Riccardi. Il gruppo degli Alpini di Casalmaggiore comprende 31 iscritti più 9 amici degli alpini.

Da sinistra De Salvo, Lazzarini, Taffureli (foto Osti)

Il Gruppo Alpini di Casalmaggiore ha un nuovo capogruppo: questo l’esito della riunione tenutasi domenica mattina presso la Casa del Mutilato. Alla guida del gruppo, eletto all’unanimità, c’è ora l’alpino Vincenzo De Salvo, che subentra a Luigi Taffurelli, nominato consigliere onorario e che dunque farà parte del consiglio assieme a Giuseppe Caletti, Fausto Cirelli, Simone Fabbro, Elena Guaschi, Diego Lupi e Fabrizio Riccardi. Il gruppo degli Alpini di Casalmaggiore comprende 31 iscritti più 9 amici degli alpini.

Taffurelli ha deciso di dimettersi, salutando i presenti e spingendo a “rimboccarsi le maniche, perché siamo alpini di pianura ma lo spirito alpino dobbiamo sentirlo dentro di noi”. “Abbiamo vissuto anni molto positivi – ha detto Taffurelli – raggiungendo traguardi che pensavamo irraggiungibili. Ricordo due feste sezionali con la presenza di presidenti nazionali, il Monumento agli Alpini e tante iniziative che fanno onore all’associazione. Ringrazio tutti e chiedo scusa se qualche volta non mi sono comportato come alpino”.

Taffurelli ha ricordato poi gli alpini “andati avanti”, nell’impossibilità di celebrare una messa in suffragio in chiesa a causa della pandemia. De Salvo ha lodato l’impegno del suo predecessore. “Hai messo impegno, spirito di gruppo e volontariato, valori che costituiscono l’alpinità. Se tutti fossero come te, allora l’ANA sarebbe un’associazione migliore di quanto già non sia. Ti ammiro e ti stimo, perché sei uomo serio e onesto, dotato di sensibilità e spirito di servizio. Grazie per tutto quello che hai fatto. Sono orgoglioso di essere stato alpino sotto la tua guida”.

Giovanni Gardani

 

© Riproduzione riservata
Commenti