Cronaca
Commenta

Covid, tornano i dati cremonesi:
come cambia la mappa Casalasca

Alla luce di questi dati, per la Prefettura di Cremona siamo a quota 3.372 casi da inizio emergenza nel Casalasco, per quella di Mantova siamo a quota 5.986 casi nell’Oglio Po virgiliano, sempre considerando tutti i positivi e dunque senza sottrarre né decessi né guariti. Il totale comprensoriale diventa così di 9.358 positivi.

Anche la Prefettura di Cremona è tornata ad aggiornare, nella giornata di mercoledì e dopo una pausa che durava dal 30 aprile, i dati sui casi positivi al Coronavirus. Il nuovo accordo con ATS Valpadana, già “digerito” dalla Prefettura di Mantova nei giorni scorsi e con nuovi dati aggiornati dal 3 maggio, contempla, come noto, l’assegnazione dei positivi non più alla residenza ma al domicilio. Questo è il motivo per cui ci sono sbalzi – in positivo così come in negativo – anche nei comuni cremonesi e in alcuni di quelli Casalaschi.

Ad esempio a Cingia dè Botti il rialzo è stato di 31 casi in cinque giorni, ma questo si deve alla presenza di una casa di riposo, la Germani, che porta appunto ad attribuire più positivi per la presenza di persone domiciliate presso la struttura (ma magari residenti, per l’anagrafe, altrove). E’ certo che i nuovi positivi non siano da attribuire agli ultimi giorni ma alle settimane, e magari ai mesi, precedenti della pandemia, dato che dopo la campagna vaccinale non risultano casi Covid alla Germani. Dato che la somma riguarda il totale di positivi da inizio pandemia, ecco che casi positivi anche di un anno fa potrebbero ora essere assegnati a comuni e tolti ad altri. Insomma, un po’ di confusione ma un passaggio concertato con ATS Valpadana, che speriamo possa ora avere trovato la quadra senza più cambi di direzione che, dal punto di vista informativo, rischiano di mandare in tilt il sistema.

Tornando ai dati, nei comuni Casalaschi i nuovi casi, negli ultimi cinque giorni e ora che l’aggiornamento è ripreso, sono stati 36, certificati a Cingia dè Botti (31), Piadena Drizzona (14), Isola Dovarese e Gussola (3), Martignana di Po e Calvatone (2), San Giovanni in Croce e Spineda (1). Il calcolo tiene però conto anche delle sottrazioni a Scandolara Ravara (-8), Casalmaggiore (-5), Rivarolo del Re e Calvatone (-2), Solarolo Rainerio, Torricella del Pizzo, Voltido e Tornata (-1).

Nei comuni dell’Oglio Po mantovano i nuovi casi sono stati 15, registrati a Viadana (6), Commessaggio (4), Asola (3), Canneto sull’Oglio e Sabbioneta (1).

Alla luce di questi dati, per la Prefettura di Cremona siamo a quota 3.372 casi da inizio emergenza nel Casalasco, per quella di Mantova siamo a quota 5.986 casi nell’Oglio Po virgiliano, sempre considerando tutti i positivi e dunque senza sottrarre né decessi né guariti. Il totale comprensoriale diventa così di 9.358 positivi.

IL DETTAGLIO (5 maggio):
Regione Cremona +48 — 25.748 casi (1.505 decessi, +1)
Prefettura Cremona +292 (in 5 giorni) — 25.468 casi
Regione Mantova +119 — 34.191 casi (1.460 decessi, +2)
Prefettura Mantova +109 — 33.982 casi

LA TABELLA DEI CONTAGI NEI COMUNI CREMONESI FONTE PREFETTURA

LA TABELLA DEI CONTAGI NEI COMUNI CASALASCHI

LA TABELLA DEI CONTAGI NEI COMUNI MANTOVANI FONTE PREFETTURA

LA TABELLA DEI CONTAGI NEI COMUNI MANTOVANI OGLIO PO

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti