Salute
Commenta

Mancano i vaccini, pietra tombale
per gli Hub di Viadana e Bozzolo

Resta da capire perché, invece, per gli Hub di Lonato e Castiglione delle Stiviere, distanti meno di 10 km l’uno dall’altro, i vaccini si siano subito trovati, nonostante i due centri siano praticamente attigui.

Se non altro adesso un motivo c’è. E qualcuno si potrà mettere il cuore in pace: in queste condizioni gli Hub di Bozzolo e Viadana non verranno mai aperti. Perché? Perché manca, come hanno sottolineato da Ats Valpadana, la materia prima, ossia i vaccini. E in questo momento non c’è alcuna speranza di aprire un Hub “periferico”, che però potrebbe dare una grossa mano a Casalmaggiore. Resta da capire perché, invece, per gli Hub di Lonato e Castiglione delle Stiviere, distanti meno di 10 km l’uno dall’altro, i vaccini si siano subito trovati, nonostante i due centri siano praticamente attigui.

Svaniscono così, al momento, le speranze di Viadana e di Bozzolo, e quelle di rimando di Rivarolo del Re e dei sindaci di tanti piccoli comuni dell’area periferica di poter farsi parte di un processo a vantaggio dei propri cittadini e di quelli dei comuni limitrofi. In una Campagna Vaccinale in cui l’esigenza di fare presto è fondamentale, un pugno allo stomaco per le due comunità che avrebbero tutto per poter partire ma alle quali non ne verrà data possibilità. Un peso che grava – è utile dirlo – soprattutto sul ministero e sul governo italiano, incapace di approvvigionamenti adeguati per tutte le regioni. Un fallimento insomma, da qualunque parte lo si guardi.

Ad ogni modo, come detto, se non altro adesso una risposta valida sui continui rinvii è arrivata. “L’assenza di vaccini fa sì che non si possano attivare i centri anche nell’Oglio Po mantovano – ha commentato il sindaco di Bozzolo, Giuseppe Torchio –. Un dato di fatto contro il  quale poco possiamo fare, tanto meno  lo possiamo contrastare, lo possiamo per ora solo subire. Venerdì mattina mi sono recato all’hub di Cremona e in effetti ho riscontrato che il centro era mezzo vuoto, a dimostrazione che quello che ci è stato comunicato dall’azienda è vero. Comunque,  nel caso in cui le dosi dovessero arrivare, noi siamo pronti”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti