Politica
Commenta

Trasporti Pesanti, la minoranza:
"Sindaco dovrebbe dialogare"

"Un’amministrazione si chiama pubblica proprio perché dev’essere a disposizione di tutti e deve saper ascoltare ogni richiesta e deve saper dialogare con ogni realtà per poi trarne le dovute conclusioni; ma ci sembra che così, a Piadena Drizzona, non avvenga".

La notizia di un sito di stoccaggio e deposito di rifiuti pericolosi dell’azienda Trasporti Pesanti S.r.l. ha suscitato, fin dal principio, preoccupazione tra la popolazione e grande attenzione mediatica. Torna a dire la propria sulla questione il gruppo di minoranza consiliare di Piadena Drizzona.

“A volte le parti in causa – spiegano i consiglieri – si sono concentrate più sullo scambio di battute e meno sull’effettivo nucleo principale della questione generando confusione tra la popolazione che era spinta a decidere se “tifare” per l’uno o per l’altro perdendo così di vista il problema essenziale. Il Sindaco e la maggioranza si sono attivati tardivamente pur avendo già a disposizione il materiale presentato dall’azienda da agosto 2020 e come già puntualizzato in un nostro comunicato precedente, la problematica è stata affrontata mesi dopo solo dopo una nostra interrogazione in merito”.

“Dunque è vero che  in Consiglio Comunale – prosegue la minoranza di Piadena Drizzona – il Sindaco e la maggioranza hanno espresso, così come il nostro gruppo, la netta contrarietà all’insediamento del deposito ma a noi pare che il continuo comportamento di chiusura nei confronti di una richiesta di ascolto avanzata dalla ditta, sia un modo di agire che stride e che non si confà alla normale attività democratica e civile di un’istituzione quale è una amministrazione comunale, tanto più se pensiamo che in campagna elettorale la lista vincente “Rinnovamento e trasparenza” sostenuta con i simboli in primo piano delle maggiori forze di centrodestra ovvero Lega per Salvini Premier, Forza Italia e Fratelli d’Italia (ultimo approdo politico del Sindaco), aveva tra i suoi punti principali l’attrattività per gli imprenditori nel Comune di Piadena Drizzona”.

“Dunque ora la domanda – continua la minoranza – sorge spontanea: cosa pensano i vertici locali (provinciali e regionali) dei partiti che formano questa maggioranza? Che come noto sono molto sensibili e vicini al mondo imprenditoriale; sono d’accordo con le continue porte che questa amministrazione sbatte in faccia alla ditta Trasporti Pesanti negando ogni forma, anche minima, di confronto? Ognuno, se ne è in grado, si prenda le proprie responsabilità”.

“Anche nell’ultimo Consiglio Comunale – spiegano dalla minoranza – abbiamo rinnovato, come anche il consigliere Benelli, l’invito alla maggioranza e al Sindaco di ascoltare ed incontrare la proprietà e perché no magari all’interno di un Consiglio Comunale ad hoc. Ma da parte del Sindaco è stata confermata la posizione di chiusura. Un’amministrazione si chiama pubblica proprio perché dev’essere a disposizione di tutti e deve saper ascoltare ogni richiesta e deve saper dialogare con ogni realtà per poi trarne le dovute conclusioni; ma ci sembra che così, a Piadena Drizzona, non avvenga”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti