Economia
Commenta

Cai Agromeccanica, raccolta
a rischio, mancano i permessi

“Auspichiamo - ha spiegato Sandro Cappellini – l’apertura di un tavolo di confronto che possa portare ad una reale semplificazione, nello spirito impresso a suo tempo dal legislatore, dei procedimenti per il rilascio delle autorizzazioni”

“I ritardi nella concessione delle autorizzazioni alle macchine agricole eccezionali, e specialmente a quelle impiegate nella raccolta dei prodotti agricoli, stanno creando forti preoccupazioni nelle imprese agromeccaniche a pochi giorni dall’inizio della campagna di lavorazione”.

Così si esprime Sandro Cappellini, mantovano, vicepresidente vicario di Cai, che accosta le difficoltà di spostamento su strada ai preoccupanti segnali sul maltempo e sui danni alle colture, che rischiano di mettere in ginocchio anche le produzioni erbacee, dopo la pesante calamità subita dal settore frutticolo e viticolo.

Nonostante la disponibilità mostrata da alcune amministrazioni, come la Direzione Generale Anas, a livello locale si tende a dimenticare che le norme sulle macchine agricole eccezionali sono state emanate per rispondere ad esigenze di tempestività e di urgenza, tipiche del settore agricolo.

Inoltre l’adozione di modalità di lavoro legate (anche) alla pandemia ha privato le imprese e le loro rappresentanze del rapporto diretto con l’amministrazione, rendendo più difficile la comunicazione e più facili i fraintendimenti, specialmente con veicoli complessi quali sono le macchine agricole.

“Auspichiamo – ha concluso Cappellini – l’apertura di un tavolo di confronto che possa portare ad una reale semplificazione, nello spirito impresso a suo tempo dal legislatore, dei procedimenti per il rilascio delle autorizzazioni”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti