Ambiente
Commenta

Dosolo, i Rudi riattivano
la giornata ecologica

Il gruppo si è poi diviso in vari gruppi che hanno coperto le zone critiche del paese, il centro ed il parco, le scuole e le vie interne del capoluogo, il tratto arginale verso Villastrada e Correggioverde e come zona più inquinata la golena ed i dintorni della zona golenale in prossimità del ponte.

È stata una prima uscita di successo per il gruppo raccolta rifiuti abbandonati “I Rudi” di Dosolo. Stanchi della continua inciviltà dei concittadini e non, domenica 23 maggio il Comitato Giovani di Dosolo si è radunato insieme nel piazzale degli Alpini assieme ad una trentina di cittadini ai quali sono stati distribuiti guanti e sacchi, offerti cortesemente dalla Ferramenta Com-Fer e acqua per rinfrescarsi durante la mattinata gentilmente offerta da Aliati & Pedrazzini.

Il gruppo si è poi diviso in vari gruppi che hanno coperto le zone critiche del paese, il centro ed il parco, le scuole e le vie interne del capoluogo, il tratto arginale verso Villastrada e Correggioverde e come zona più inquinata la golena ed i dintorni della zona golenale in prossimità del ponte.

Fondamentale è stato il contributo di Protezione Civile che sempre nella mattinata ha organizzato una perlustrazione su tutto il tratto arginale da Cicognara a Sabbioni di Viadana, al fine di  verificare il buono stato dell’argine del Po in difesa dei centri abitati, offrendo ai volontari un supporto organizzativo e logistico recuperando con i propri mezzi gli oltre 20 sacchi di rifiuti raccolti lungo il percorso.

L’obiettivo è stato raggiunto ma i volontari hanno riconosciuto il bisogno di questo tipo di attività anche per il futuro, assieme ad una pronta e valida campagna di sensibilizzazione al problema dell’abbandono dei rifiuti. “Come amministrazione ringraziamo tutti i volontari che hanno partecipato e si sono resi parte attiva dimostrando come l’inciviltà di alcuni possa essere contrastata da questi momenti di coesione e dalla civiltà di molti” spiega il sindaco di Dosolo Pietro Bortolotti.

Il grazie inoltre è andato al Comitato Giovani che ha voluto lasciare un proprio messaggio:
Un “Rude” non è una persona
Non è un evento
Non è un luogo
Non è un giorno e basta
Esseri rudi è uno stile di vita nel rispetto del mondo un cui viviamo”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti