Cronaca
Commenta

Spineda, l'acqua (gasata)
va a ruba, residenti a secco

"Il fatto è che molti arrivano con le taniche che riempiono collegando il rubinetto con appositi tubi di plastica" aggiungono altri osservatori. Anche il sindaco del paese è seccato da questo via vai di cittadini provenienti da altri Comuni che lasciano le famiglie di Spineda senza acqua gassata un giorno si e l'altro pure

A Spineda l’acqua va a ruba. Non illudiamoci pensando che i ladri abbiano improvvisamente cambiato interesse passando dai gioielli delle famiglie all’oro bianco erogato dalla fontanella pubblica oltretutto distribuita fin’ora gratuitamente. Eppure sembra davvero che per l’acqua erogata dalla apposita struttura inaugurata recentemente si sia scatenata una corsa tra chi ne prende di più sin dal primo mattino sopratutto per quella addizionata col gas che risulta cosi costantemente esaurita. “Il problema non dipende dall’impianto che funziona regolarmente ma dalla gran quantità di persone che vi accedono arrivando dai paesi vicini. Per il fatto che da loro l’acqua si paga mentre qui a Spineda è ancora prelevabile gratuitamente gli estranei ne approfittano” raccontano i residenti indispettiti per la continua mancanza di acqua gassata. “Il fatto è che molti arrivano con le taniche che riempiono collegando il rubinetto con appositi tubi di plastica” aggiungono altri osservatori. Anche il sindaco del paese è seccato da questo via vai di cittadini provenienti da altri Comuni che lasciano le famiglie di Spineda senza acqua gassata un giorno si e l’altro pure. Una soluzione che potrà arrivare quando per avere l’acqua si dovrà inserire l’apposita scheda riservata ai soli residenti.

Ros Pis

© Riproduzione riservata
Commenti