Politica
Commenta

Viadana, Perteghella chiede al
Prefetto di convocare il Consiglio

Non si spengono le polemiche per l'interruzione del consesso viadanese del 31 maggio scorso con le forze d'opposizione che trovano coesione nella lettera seguente redatta da Silvio Perteghella con l'appoggio degli altri consiglieri...

VIADANA- Non si spengono le polemiche per l’interruzione del consesso viadanese del 31 maggio scorso con le forze d’opposizione che trovano coesione nella lettera seguente redatta da Silvio Perteghella con l’appoggio degli altri consiglieri:

“Ecc. Prefetto di Mantova

Premesso che in data 07/05/2021 più di un quinto dei Consiglieri Comunali viadanesi chiedevano la convocazione del Consiglio Comunale entro la scadenza individuata dall’art.39 c.2 del D.lgs 267/2000 ( venti giorni), per discutere una Mozione relativa alla viabilità di Via Convento .

Successivamente, attraverso il Presidente del Consiglio Comunale viadanese, avveniva la convocazione del Consiglio Comunale per il giorno 31/05/2021(con qualche giorno di ritardo rispetto alle scadenze) .                             

Il giorno 31/5 c.a. durante lo svolgimento,  veniva verificata la non validità della seduta per assenza del Segretario Comunale (dott. Claudio Bavutti) e per mancanza del decreto e dell’espletamento del procedimento amministrativo che porta all’individuazione del Vice Segretario Comunale. Il  dott. Antonio Aliani, veniva  chiamato a verbalizzare dal Presidente del Consiglio Comunale vista la vacanza del titolare in assenza della nomina sindacale . La seduta quindi veniva interrotta dal Presidente del Consiglio Comunale che si sarebbe impegnato ad una successiva convocazione.

Dal giorno 31/05/2021 il Presidente del Consiglio Comunale non ha esercitato il dovere istituzionale di convocazione della seduta . I limiti temporali individuati dal Tuel (art.39 c.2) quindi sono stati di gran lunga oltrepassati. Si fa presente che all’ordine del giorno convocato per il giorno 31/05/2021 erano presenti altri argomenti di discussione (8,11,12) presentati da alcuni Consiglieri Comunali da oltre tre mesi, che non sono ancora stati affrontati.

Si sottolinea inoltre la discussione del punto n.9 inerente alle nomine dirigenziali effettuate dal Sindaco soltanto lo scorso 9 Aprile 2021, in seguito alla quali, i Consiglieri di minoranza firmatari del medesimo odg (n.9) hanno chiesto al Segretario Comunale dott. Claudio Bavutti un parere di legittimità sulle deliberazioni e determinazioni pubblicate dall’inizio del mandato amministrativo e sino al giorno 8/04/2021.

Tutti gli atti amministrativi pubblicati nello stesso periodo – continua il documento – riportano i pareri e la firma dell’ Ing. Giuseppe Sanfelici e della dott.ssa Doriana Rossi in qualità di dirigenti in assenza della nomina sindacale per decreto. Il Segretario Comunale non ha voluto rilasciare alcun parere nonostante per il giorno 31/05/2021 fosse prevista apposita discussione sulla questione.

Per il ripristino delle condizioni individuate dall’ art.39 del Testo Unico Enti Locali, di correttezza istituzionale e legalità si richiede a sua Eccellenza il Prefetto di Mantova di sostituirsi al Presidente del Consiglio Comunale viadanese nell’espletamento dei poteri di convocazione del Consiglio e di verifica delle procedure che garantirebbero la validità e lo svolgimento della seduta,- conclude – si richiede inoltre di sollecitare il rilascio del parere scritto del Segretario Comunale necessario per affrontare la discussione del p.ton.9.

Certi del suo interessamento e del suo tempestivo intervento istituzionale, siamo a porgerVi Cordiali saluti e buon lavoro“.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti