Cronaca
I commenti sono chiusiCommenta

San Martino, piantumazione
in piazza Castello, è polemica

E' notorio infatti come le scelte dei primi cittadini riescano difficilmente ad accontentare tutti. Chi la vuole asciutta, chi bagnata chi la preferisce secca. La piantumazione degli alberi è una delle caratteristiche che rendono piacevole il paesaggio

Tu sei buono e ti tirano le pietre. Sei cattivo e ti tirano le pietre. Qualunque cosa fai, dovunque te ne vai tu sempre pietre in faccia prenderai“. I meno giovani sicuramente ricorderanno questa famosa canzone del cantante francese Antoine che furoreggiò nel 1967 in coppia con Gian Pieretti. Una cantilena orecchiabilissima che col tempo è diventata una specie di inno di tante persone tra cui diversi sindaci italiani. E’ notorio infatti come le scelte dei primi cittadini riescano difficilmente ad accontentare tutti. Chi la vuole asciutta, chi bagnata chi la preferisce secca. La piantumazione degli alberi è una delle caratteristiche che rendono piacevole il paesaggio conferendo eleganza e stile ad un paese. Ma a San Martino la scelta dell’Amministrazione comunale sta sollevando polemiche e discussioni. Da pochi giorni in Piazza Castello, dalla parte opposta rispetto alla Farmacia, sono stati messi a dimora una ventina di alberelli, una decina davanti al bar Casa Nostra e altrettanti proseguendo in direzione della gelateria. In pratica l’ampio parcheggio prima esistente risulta adesso sostanzialmente dimezzato procurando disappunto nella gente. Diverse persone si chiedono come si potrà raggiungere la sede dell’ambulatorio medico sulla cui apertura stanno procedendo i lavori di allestimento. Non molto distante ci sono tanti altri spazi corrispondenti alla lunga teoria dei portici, da un lato e l’altro della strada. Ma evidentemente i soggetti con difficoltà motorie avrebbero preferito mettere la macchina nel parcheggio preesistente temendo che d’ora in avanti il posto non ci sarà più per tutti. Stesso disappunto anche da parte dei clienti degli esercizi pubblici. E qui riemerge la discussione tra chi vorrebbe arrivare in macchina sino dentro al bar e chi invece sostiene la necessità dell’attività motoria e dei famosi salubri due passi fuori dalla macchina. Senza contare i benefici che gli alberi portano nei riguardi della salute umana producendo ossigeno e bruciando anidride carbonica. Ma sarà compito del sindaco e della Giunta di San Martino spiegare tutto questo alla popolazione pur sapendo che qualsiasi scelta adottata rischierà di provocare sempre qualche lancio di pietre ovviamente in maniera simbolica ed eufemistica.

Rosario Pisani

© Riproduzione riservata
Commenti

I commenti sono chiusi.