Cronaca
I commenti sono chiusiCommenta

Rivarolo Mantovano, prosegue
il recupero del Palazzo Pretorio

I lavori, partiti in sordina nell'autunno 2020, sono ora entrati nel vivo, dopo una lunga pausa dettata dalla stagione e dal Covid. La conclusione dei lavori, condotti dalla ditta Tisato Restauri di Verona sotto l'alta sorveglianza della Soprintendenza BB.AA.PP. di Mantova, è prevista per l'autunno

La tutela del patrimonio architettonico del Comune di Rivarolo Mantovano passa dal restauro del Palazzo pretorio, Bene comune assogettato a tutela con vincolo notificato espresso dalla Soprintendenza nel settembre 2019.

L’edificio è da anni oggetto di attenzione da parte del Sindaco Massimiliano Galli che, fin dal suo primo insediamento, nel maggio 2014, ha dovuto misurarsi con il degrado architettonico e strutturale dello storico monumento. Qui il sisma del 2012 ha lasciato traccia nelle lesioni evidenti all’interno almeno quanto il degrado dei prospetti che, a seguito del distacco di calcinacci, hanno portato, nell’estate 2014, al transennamento del Palazzo sul lato prospiciente la storica Piazza Finzi.

Le progettazioni per la sua messa in sicurezza ed il recupero degli spazi interni, assentite dalla Soprintendenza ai beni architettonici e paesaggistici con due distinti provvedimenti, ha già portato al restauro degli esterni della Torre civica, condotti anche sulla scorta di un primo contributo erogato da CARIPLO.

Ora, due altri finanziamenti, concessi a fondo perduto da Regione Lombardia e dal GAL Terre del Po per complessivi 195.000, 00 euro circa, consentiranno di restaurare i prospetti e la copertura dell’ala est, sede della Fondazione Sanguanini che a Rivarolo gestisce la Biblioteca, negli spazi assegnati da una convenzione d’uso col Comune, proprietario dell’immobile. Significativa la collaborazione instaurata tra le due Amministrazioni che, per poter usufruire dei fondi concessi dal GAL, hanno costituito, nel maggio 2020, una ATS (Associazione temporanea di scopo) che vede la Fondazione capofila.

I lavori, partiti in sordina nell’autunno 2020, sono ora entrati nel vivo, dopo una lunga pausa dettata dalla stagione e dal Covid. La conclusione dei lavori, condotti dalla ditta Tisato Restauri di Verona sotto l’alta sorveglianza della Soprintendenza BB.AA.PP. di Mantova, è prevista per l’autunno.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti

I commenti sono chiusi.