Politica
Commenta

Dote scuola, Piloni (PD):
"Regione riapra i termini"

"Facendo nostre le segnalazioni ricevute da parte di sportelli sindacali, istituti scolastici e famiglie, chiediamo di riaprire i termini di partecipazione al bando almeno fino alla fine di giugno e di darne ampia comunicazione”.

“Riteniamo necessario dare più tempo alle famiglie per organizzarsi e poter partecipare al bando Dote scuola: Regione riapra i termini”, lo chiedono i consiglieri del gruppo regionale del Pd che hanno scritto all’assessore all’Istruzione Sala per spiegare la situazione che si è venuta a creare.

“Il bando regionale per ottenere il contributo alla Dote Scuola – Materiale didattico e borse di studio statali, ovvero il contributo che varia da 200 a 500 euro di Regione Lombardia per sostenere le spese per l’acquisto di libri di testo, dotazioni tecnologiche e strumenti per la didattica, si è chiuso alle ore 12 di martedì 15 giugno 2021 – spiega Matteo Piloni –. Facendo nostre le segnalazioni ricevute da parte di sportelli sindacali, istituti scolastici e famiglie, chiediamo di riaprire i termini di partecipazione al bando almeno fino alla fine di giugno e di darne ampia comunicazione”.

“La modalità di partecipazione, con la richiesta dello Spid, il cui ottenimento ha modalità e tempi tecnici non immediati, le difficoltà delle famiglie a essere supportate nella compilazione sulla piattaforma dedicata, anche a causa delle disposizioni relative alla gestione della pandemia, hanno rallentato e limitato la partecipazione– sottolinea il consigliere dem -. E questo è un male: è importante che Dote scuola abbia il più ampio numero di beneficiari, perché si tratta di una forma di sostegno alle famiglie ancor più utile in tempi di crisi economica, per cui tutti gli aventi diritti devono potervi accedervi”.

“Per quale ragione, poi, quest’anno il bando è rimasto aperto per un periodo più limitato, cioè dal 13 maggio al 15 giugno, mentre l’anno scorso è stato in vigore dal 7 aprile e al 30 giugno? Sono diversi i motivi, dunque, per cui molte famiglie non sono riuscite a presentare la domanda in tempo e alcune di queste ce lo hanno segnalato. Ci auguriamo che Regione Lombardia ascolti il nostro appello, che è quello dei cittadini lombardi, e riapra i termini” conclude Piloni.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti