Cronaca
Commenta

Rocco Pezzi, partecipato
ultimo saluto a Cogozzo

Dopo la benedizione la salma di Rocco Pezzi è stata trasferita a Mantova per la cremazione ed una seconda cerimonia lo attenderà nel cimitero di Cogozzo il giorno in cui l’urna con le ceneri ritornerà per la sepoltura

Rocco Pezzi

Chissà quante persone in più avrebbero riempito la chiesa di Cogozzo se il parroco non avesse dato disposizioni per limitarne l’accesso. Stessa determinazione usata da don Andrea Spreafico al termine del funerale per convincere la gente ferma sul sagrato ad allontanarsi onde consentire agli altri di uscire e accompagnare la bara sul carro funebre in attesa. La concreta ed ennesima conferma di quanto Rocco Pezzi, l’imprenditore scomparso a 58 anni fosse amato e considerato dalla gente “Un gigante buono ed un immenso amico” come l’ha descritto un suo ex compagno di scuola, l’unico a cui è stato concesso di esprimere un ricordo al microfono tra i tanti che avevano chiesto di farlo. “Una persona di grande intelligenza e perspicacia. La nostra colonna portante, esempio di forza, coraggio e determinazione sino al punto di continuare a messaggiare con noi suoi compagni nonostante la malattia”. Un particolare che precedentemente aveva già reso noto un famigliare raccontando che una decina di giorni prima Rocco avesse deciso di scendere a Napoli per mantenere fede ad un impegno commerciale nonostante fosse a conoscenza del poco tempo che i medici gli avevano diagnosticato. Due, tre mesi di vita che l’imprenditore aveva affrontato con la sua inesauribile costanza, con la voglia di lavorare e di produrre per le sue aziende come la Grand Soleil di Canneto e altre società collegate. Accanto alla bara ricoperta di rose rosse i famigliari tutti con indosso una maglietta nera e l’anziana madre reclinata su se stessa e appoggiata ad un girello per la deambulazione. “Rocco si porta via le ceste con tutte le nostre testimonianze d’affetto” ha spiegato il sacerdote durante l’omelia sottolineando il ruolo che ciascuno di noi assumeva accompagnando il suo viaggio verso l’eternità. Passando da citazioni teologiche ad altre più terrene don Andrea ha chiesto che fosse raccolto l’esempio di Rocco raccogliendo le sue perle, i suoi insegnamenti lasciando cadere le quotidiane lamentele nel Mar Rosso dell’esistenza. “Anche dalle apparenti sconfitte uscirà la nostra vittoria. Adesso non la vediamo ma arriverà nel momento opportuno. Fa un buon viaggio, amico caro”. Dopo la benedizione la salma di Rocco Pezzi è stata trasferita a Mantova per la cremazione ed una seconda cerimonia lo attenderà nel cimitero di Cogozzo il giorno in cui l’urna con le ceneri ritornerà per la sepoltura.

Ros Pis

© Riproduzione riservata
Commenti