Politica
Commenta

Fomiatti (Listone): "Supermercato?
Non ne avevamo certo bisogno"

"Non ne hanno bisogno i cittadini, non ne hanno bisogno i commercianti di tutto il comune di Casalmaggiore (frazioni comprese), non ne ha bisogno il tessuto socio-economico di Casalmaggiore e del Casalasco tutto"

Un’operazione a perdere, per tutto il territorio, un’operazione neppure giustificata dalla contropartita. Non c’era bisogno di un nuovo supermercato e questa è la posizione sostenuta da sempre dal Listone. Ora che il (fittizio) mistero si è finalmente svelato, è Gabriel Fomiatti, consigliere del Listone, ad intervenire sull’argomento, rimarcando il suo no forte a nome suo e del gruppo che rappresenta.

Ormai quello che l’assessore Giovanni Leoni ha voluto negare per mesi perché “non ho niente in mano per poter dire cosa nascerà” è uscito allo scoperto. L’ennesimo Supermercato vedrà la luce a Casalmaggiore.

Ne avevamo bisogno? Decisamente no. Non ne hanno bisogno i cittadini, non ne hanno bisogno i commercianti di tutto il comune di Casalmaggiore (frazioni comprese), non ne ha bisogno il tessuto socio-economico di Casalmaggiore e del Casalasco tutto, non ne ha bisogno la viabilità della Sabbioneta, non ne hanno bisogno gli altri supermercati.. Non ne ha bisogno nessuno!

Come Listone abbiamo sempre votato contro a questa operazione, perché non esiste alcun interesse pubblico in tutto ciò. 

E non diciamo che € 220.000 per sistemare Piazza Turati e l’incroncio tra Via Roma e Via del Lavoro compenseranno a quanto verrà fatto. Non compenseranno nemmeno i circa € 80.000, come dichiarato in Consiglio Comunale, che non si sa in quale modo verranno investiti nel rilancio del commercio del centro. Anzi, quest’ultimo è un paradosso, quasi una presa in giro.

Se si vogliono creare nuovi posti di lavoro, sarebbe meglio investire e favorire altro.

Bisogna favorire la nascita di Start-Up, di aziende che guardano al futuro. Di aziende Che possano creare una storia per Casalmaggiore. Che hanno possibilità svilupparsi, di vivere a lungo e creare nuove opportunità per i cittadini di oggi e di domani.

Quando usciremo da questo momento storico di profonda crisi il mondo sarà diverso, e se non ci prepariamo oggi ad affrontarlo rimarremo indietro, ancora.

Basta favorire  questa logica di investimenti senza logica in stile anni 90. L’amministrazione ha una responsabilità in tutto questo e se ne dovrà far pieno carico“.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti