Ambiente
Commenta

Marcaria, settimana del Laudati sì:
che belle le meraviglie del creato!

Ogni giornata è stata vissuta nella curiosità e nella condivisione per porre “semi che possono produrre effetti lungo tutta la vita”

Le Comunità Laudato sì di Marcaria e Viadana, in collaborazione con il Centro Ricreativo Socio-Culturale ANSPI di Marcaria e l’aiuto di Associazione Noi, Ambiente, Salute – ODV di Viadana, ha organizzato la Settimana Laudato sì per ragazzi dalla prima elementare alla terza media, che si è svolta dal 19 al 23 luglio.

Con la sapiente regia di Fiorenza Raffagli e la guida spirituale di don Angelo Rocco e la disponibilità di alcuni volontari, gli incontri si sono succeduti con un afflato di stupore e meraviglia lungo il nostro caro fiume Oglio e nell’alveo dell’enciclica Laudato sì di Papa Francesco per sperimentare con le emozioni che “tutte le creature sono connesse tra loro, di ognuna deve essere riconosciuto il valore con affetto e ammirazione e tutti noi esseri creati abbiamo bisogno gli uni degli altri”.

In questo percorso, che ha esaudito la voglia di stare insieme, non è mai stato abbandonato l’approccio scientifico da parte di esperti di educazione ambientale: Giovanni, professionista in ecologia ambientale della Coop Onlus Alkemica di Mantova, suor Augusta Culpo missionaria da anni in in Brasile nelle Favelas, Dr. Mauro Ferrari, docente all’Università di Venezia, Dr Davide Aldi e Dr Samuele Aldi, medici veterinari.

Ogni giornata è stata vissuta nella curiosità e nella condivisione per porre “semi che possono produrre effetti lungo tutta la vita”. Ci si è accostati, ad esempio, ai raccoglitori e tessitori di erbe palustri, al riconoscimento delle più umili erbe e dei più grandi alberi del territorio, all’incanto per la liberazione di rapaci, prima curati nel Centro di recupero animali selvatici Parcobaleno di Mantova, all’ascolto di una testimonianza sulla realizzazione di un parco attrezzato nei quartieri più poveri del Brasile partito dalla volontà di alcuni ragazzi, alla conoscenza dei piccoli ricci, alla lavorazione dell’argilla, al coinvolgimento di un primo cittadino locale, Giuseppe Torchio, che ha raccontato la storia di un angolo di pregio ambientale e sociale/culturale da tutelare.

Tanti sono stati i volontari, altamente qualificati, che hanno regalato il loro tempo e la loro competenza a cui va un sentito ringraziamento. I protagonisti, una quindicina di ragazzi, provenienti non solo dalla realtà di Marcaria e dintorni, ma anche da famiglie immigrate di diversi continenti e religioni, nello spirito della Laudato Si’ hanno fatto tesoro delle varie esperienze vissute in questi giorni riassumendo attraverso alcuni elaborati scritti significative osservazioni che hanno evidenziato anche lo stato di degrado di realtà che invece dovrebbero essere maggiormente tutelate dal punto di vista ambientale ed evidenziando con stupore e meraviglia, attraverso la contemplazione, la bellezza e l’importanza del Creato in cui hanno vissuto momenti suggestivi.

La conclusione e la rassegna fotografica degli eventi svolti sarà presentata presso la Chiesa di Marcaria il giorno 30 luglio alle ore 21. Invitiamo la popolazione a partecipare.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti