Salute
Commenta

Riforma sanità lombarda,
presidio sindacale in Regione

L’obiettivo, affermano i sindacati, è di ottenere “un più efficace assetto di governance del sistema sociosanitario e un rafforzamento della medicina preventiva e della medicina territoriale, realizzando il Distretto e i suoi presidi erogativi".

Si è svolto a Milano il 13 luglio il presidio unitario di Cgil, Cisl e Uil Lombardia, per chiedere ascolto in Regione in tema di riforma sanitaria.  Un’iniziativa a cui hanno partecipato anche i delegati cremonesi, che si inserisce nel percorso avviato dai sindacati, in vista della modifica della legge regionale 23/15.

L’obiettivo, affermano i sindacati, è di ottenere “un più efficace assetto di governance del sistema sociosanitario e un rafforzamento della medicina preventiva e della medicina territoriale, realizzando il Distretto e i suoi presidi erogativi, nonché nodi organizzativi e prassi di servizio capaci di una reale integrazione sociosanitaria”.

Da Cremona e provincia sono partiti alla volta di Milano delegati dei Pensionati, della Funzione Pubblica e di altre categorie di Cgil, Cisl e Uil, oltre che i livelli confederali. Alle 11 i tre segretari generali di Cgil, Cisl e Uil Lombardia, Alessandro Pagano, Ugo Duci e Danilo Margaritella si sono incontrati con la vicepresidente  Letizia Moratti.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti