Cronaca
Commenta

Sissa Trecasali, cittadinanza
onoraria al Milite Ignoto

Ad oggi già trentasei Amministrazioni della provincia di Parma hanno concesso la cittadinanza onoraria al Milite Ignoto e le rimanenti si sono impegnate in merito entro la fine di ottobre prossimo

Nel corso dell’ultimo consiglio comunale di Sissa Trecasali, con voto favorevole unanime, è stata concessa la cittadinanza onoraria al Milite Ignoto, nell’anno in cui ricorre il centenario della traslazione a Roma all’Altare della Patria.

Il Gruppo delle Medaglie d’Oro al Valore Militare d’Italia ha interessato l’Anci affinché si facesse portavoce con tutti i Comuni d’Italia per onorare il Milite Ignoto, cento anni fa “di nessuno” ed ora “cittadino d’Italia”.

Il Comandante della Legione Carabinieri Emilia Romagna e diverse Associazioni, non solo aderenti ad Assoarma, hanno condiviso l’iniziativa: a livello provinciale oltre A.N.A. ed altre Associazioni, in particolare le Guardie d’Onore al Pantheon che stanno svolgendo un ruolo di coordinamento sul territorio provinciale in merito all’argomento.

Venerdì 30 Luglio, durante una breve cerimonia presso la Casa Comunale, il sindaco di Sissa Trecasali dott. Nicola Bernardi ha sottoscritto la pergamena di concessione della cittadinanza onoraria. Una copia rimarrà esposta nella Sala Consigliare ed una copia verrà consegnata nei prossimi mesi al rappresentante del Gruppo Medaglie d’Oro al Valore Militare.

Presente alla cerimonia il Comandante della locale Stazione Carabinieri Maresciallo Maggiore Francesco Anzalone con personale dipendente, il Delegato Provinciale di Parma delle Guardie d’Onore al Pantheon Cav. Roberto Spagnoli con il Vice Delegato Vicario Prof. Carlo Spaggiari e il Gruppo Alpini di Sissa Trecasali con il Capo Gruppo Luciano Franceschini affiancato da Enrico Adorni e Giuseppe Galeone.

Ad oggi già trentasei Amministrazioni della provincia di Parma hanno concesso la cittadinanza onoraria al Milite Ignoto e le rimanenti si sono impegnate in merito entro la fine di ottobre prossimo.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti