Cronaca
Commenta

Ponte Acquanegra Calvatone,
protocollo tra Mantova e Cremona

Le Province di Cremona e di Mantova sono concordi nel procedere con le attività e le verifiche preliminari per giungere a una scelta condivisa, che contempli anche, se necessario, la demolizione del ponte attuale

Approvato il Protocollo d’Intesa tra le Province di Mantova e Cremona per la ristrutturazione del ponte sull’Oglio tra i comuni di Calvatone e Acquanegra sul Chiese lungo la SP 31 di Cremona e la provinciale 7 di Mantova. L’atto disciplinerà le competenze dei due enti. Il ponte sul fiume Oglio risulta di competenza di entrambi essendo il confine territoriale posto in mezzeria al corso del fiume e pertanto assegnato al 50% ad ognuna. Il manufatto, a struttura reticolare in acciaio, è stato realizzato nel 1909 in sostituzione di un precedente ponte in barche a pedaggio. Attualmente la manutenzione ordinaria della struttura e del piano viabile è in carico alla Provincia di Mantova in virtù di accordi pregressi. La manutenzione straordinaria, invece, è sempre stata svolta dalla Provincia di Mantova ma con costi ripartiti al 50% tra le due Province. Nel corso degli anni si sono susseguiti diversi interventi di manutenzione volti alla conservazione del ponte, che tuttavia hanno mantenuto in essere i limitati vincoli strutturali che non consentono un adeguamento alle attuali normative tecniche e di sicurezza per la sua completa funzionalità. Visto che il ponte è parte integrante di un collegamento viario tra le province di Cremona e di Mantova ritenuto di interesse provinciale e che la percorribilità del ponte, per la sua conformazione nonché per lo stato di conservazione in cui si trova, è stata limitata a 3,5 t per la portata, a 10 Km/h per la velocità e a 2 metri per la larghezza, risulta ormai urgente intraprendere le necessarie azioni per una riqualificazione del manufatto con l’obiettivo di ottenere i dovuti indici di sicurezza nonché una maggiore fruibilità dell’itinerario viabilistico da parte dell’utenza. Le Province di Cremona e di Mantova sono concordi nel procedere con le attività e le verifiche preliminari per giungere a una scelta condivisa, che contempli anche, se necessario, la demolizione del ponte attuale e la sua ricostruzione nel rispetto del contesto in cui deve essere inserito. Anche i Comuni di Calvatone e Acquanegra sul Chiese sono favorevoli a intraprendere, quanto prima, i necessari lavori per la ristrutturazione del ponte, provvedendo, eventualmente, alla demolizione del manufatto esistente e alla sua ricostruzione. Il protocollo, che sarà sottoscritto a breve, definirà le reciproche iniziative per coordinare gli aspetti tecnici, finanziari, amministrativi e di esecuzione dei lavori.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti