Cronaca
Commenta

Rivarolo Mn, restauro al via per
l'ala est di Palazzo Pretorio

"Tra il maggio 2019 e l’agosto 2021, l’amministrazione comunale ha ottenuto oltre mezzo milione di euro di contributi a fondo perduto; soldi che, unitamente alle risorse proprie dell’Ente, hanno consentito di proseguire il restauro del Palazzo pretorio, di efficientare parte del reticolo idrico minore" spiega il sindaco Galli.

È formalmente iniziato il cantiere di restauro della copertura di Palazzo Pretorio, ala est. Un’operazione edilizia che comporterà una spesa di 132.000 euro, dei quali 94.973,63 finanziati dal GAL “Terre del Po”, con contributi a fondo perduto a valere sul Bando “Incentivi per lo sviluppo di servizi in favore della popolazione locale e delle imprese”, misura 19.2.01, operazione 7.4.01.

Per parteciparvi il Comune di Rivarolo Mantovano (partner finanziatore) e la Fondazione Sanguanini Rivarolo Onlus (capofila) hanno costituito, nel maggio 2020, un’associazione Temporanea di Scopo (ATS). I lavori, affidati alla ditta “Tisato restauri” di Verona che già si sta occupando dei prospetti di Palazzo Pretorio, prevedono la messa in sicurezza strutturale ed il restauro della copertura nell’ala est dello storico Palazzo, quella appunto dove ha sede la Fondazione che gestisce la biblioteca. I servizi culturali espletati dalla Fondazione, tra i quali quello bibliotecario, rientrano infatti tra quelli sostenuti dai Fondi europei ai quali fa capo il GAL, per il tramite di Regione Lombardia. Il Comune, proprietario dell’immobile, partecipa cofinanziando l’operazione con circa 37.000 euro.

Il restauro architettonico e strutturale di Palazzo pretorio si colloca nel solco delle azioni intraprese dall’Amministrazione Galli che, fin dal suo primo insediamento, nel giugno 2014, sostiene attività e promuove iniziative volte alla tutela ed alla valorizzazione del patrimonio pubblico della Comunità locale.

“Le molte risorse che occorrerebbero per restaurare non solo gli storici edifici di Rivarolo – dichiara il Sindaco Massimiliano Galli – ma anche per valorizzarne gli spazi pubblici significativi come Piazza Finzi o per mantenere efficiente il reticolo dei corsi d’acqua superficiali o le percorrenze ciclabili nella campagna, vengono ricercate con la sistematica partecipazione a bandi nazionali e regionali, senza tralasciare quelli europei. In questo modo, tra il maggio 2019 e l’agosto 2021, l’amministrazione comunale ha ottenuto oltre mezzo milione di euro di contributi a fondo perduto; soldi che, unitamente alle risorse proprie dell’Ente, hanno consentito di proseguire il restauro del Palazzo pretorio, di efficientare parte del reticolo idrico minore, restaurando al contempo alcuni Ponti storici e permetteranno di realizzare la ciclabile per Cividale, senza tralasciare la messa in sicurezza alcuni attraversamenti pedonali critici nel Capoluogo e nella Frazione”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti