Cronaca
Commenta

Iniziativa alla Fondazione Busi per
la Giornata Mondiale dell’Alzheimer

Dichiara la Presidente Bozzetti: “Sarà la prima di varie iniziative che riguarderanno a turno ciascun reparto, potendo sfruttare anche gli ampi spazi del giardino e la nuova area del “Gazebo del Sorriso” allestita per l’occasione e gentilmente offerta

In occasione della XXXVIII giornata dell’Alzheimer, la Fondazione Conte Carlo Busi organizza nel pomeriggio di sabato 18 settembre 2021, presso il giardino della struttura, una merenda aperta ai famigliari degli ospiti dei nuclei specialistici.

Tutto si svolgerà seguendo le procedure anticovid previste ma con l’obiettivo principale di riavvicinare i famigliari ai propri cari con un momento semplice ma di festa. Oltre alle visite organizzate in presenza si aggiunge così una occasione per un tanto sospirato ritorno alla vita di tutti i giorni.

Questa è la proposta della Fondazione come progetto “pilota”, volta a recuperare i momenti d’incontro in aggiunta a quelli già esistenti, dando una nuova e più intensa possibilità di incontro fra famigliari e ospiti che da troppo tempo non possono godere di un contatto tangibile. Le videochiamate sostenute ormai da marzo 2020 non sono più sufficienti per mantenere un legame affettivo che per troppo tempo è stato sospeso e l’iniziativa va ad aggiungersi ai colloqui in presenza attuati con il “Progetto Incontro” predisposto da tempo e organizzato con cura e professionalità dal Dott. Amico.

Un grazie va anche alle famiglie che con pazienza hanno aspettato questo momento e che finalmente possono “stringersi” attorno ai propri cari.

Dichiara la Presidente Bozzetti: “Sarà la prima di varie iniziative che riguarderanno a turno ciascun reparto, potendo sfruttare anche gli ampi spazi del giardino e la nuova area del “Gazebo del Sorriso” allestita per l’occasione e gentilmente offerta.

Si informa che l’iniziativa avrà luogo anche in caso di maltempo in locali idoneamente attrezzati per l’osservanza delle disposizioni anti-covid.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti