Ambiente
Commenta

Laudato sì, altri tre eventi per
parlare di transizione ecologica

Una serie di eventi disseminati sul territoio illustreranno significato e profondità del concetto promosso da Laudato sì...Tempo del Creato 2021 - 1 settembre – 4 ottobre Comunità Laudato Sì di Viadana e Marcaria.

Una serie di appuntamenti per scavare a fondo nel concetto di transizione ecologica in un momento in cui gli effetti dei cambiamenti climatici sono particolarmente evidenti così come l’insufficente apporto della collettività per migliorare la situazione. Maggiore consapevolezza potrebbe significa fare passi avanti nella risoluzione di un problema che riguarda tutti.

“Camminare in una vita nuova: la transizione ecologica per la cura della vita” è il tema che apre la Giornata Nazionale per la Custodia del Creato, celebrata come ogni anno il 1 settembre e che inaugura un mese di iniziative (il “TEMPO DEL CREATO”), fortemente voluto ed istituito dalla Santa Sede, proprio per intensificare e stimolare la riflessione ed il confronto sui molteplici aspetti della CURA DELLA CASA COMUNE e che si concluderà il 4 ottobre, Festa di San Francesco, che coniuga alla salvaguardia del creato i valori della pace, della fraternità e del dialogo fra le religioni.

L’idea del “cammino” (che allude al famoso esodo biblico dalla schiavitù d’Egitto alla terra promessa) rappresenta il percorso graduale da intraprendere per abbandonare le vecchie logiche sbagliate e fallimentari, da cui siamo condizionati (schiavi?) e che ci hanno condotto alla drammatica situazione attuale, in direzione di una meta che rappresenti un nuovo modello di vita, nel quale le attuali criticità siano superate dalla consapevolezza che, essendo tutto connesso, non ci si può salvare da soli e sarà quindi indispensabile avviare processi che coinvolgano i diversi attori sociali (organizzazioni mondiali, singoli Stati, istituzioni e cittadini, vecchie e nuove generazioni, imprenditori e lavoratori ecc….) in un progetto comune, definito come “Transizione Ecologica”.

Se finora, i maggiori ostacoli per il cambiamento sono stati “la paura di lasciare ciò che conosco” ed un modello economico che non sostiene affatto chi vuole invertire la rotta”, meditiamo sulle parole di don Primo Mazzolari: “Forse tante nostre infelicità derivano da questo mancato accordo con la natura, come se noi non fossimo partecipi di essa. Tutto si tiene, ed accettare di vivere in comunione non è una diminuzione, ma una pienezza” (da Diario di una Primavera).

Per illustrare al meglio il significato e le relative molteplici declinazioni dell’espressione “Transizione Ecologica”, la Comunità Laudato Si di Viadana e Marcaria, in collaborazione con la Condotta Slow Food Oglio Po, il BioDistretto Casalasco Viadanese, La Consulta del Volontariato Viadanese, New Tabor OdV, le Associazioni Noi Ambiente Salute – ODV e PersonaAmbiente, propone un programma di incontri con relatori di grande spessore e preparazione che sapranno dispiegare le variegate prospettive che si aprono davanti a noi, incoraggiandoci a superare le ritrosie e le ansie causate dal dover abbandonare le consuetudini ormai consolidate in favore di un futuro più giusto e sostenibile per tutti.

Ecco gli appuntamenti:

· Mercoledi 15 settembre – ore 21 – Prato adiacente Ostello Bortolino – Via AL PONTE – Viadana

Relatore: prof.PAOLO PILERI prof.POLIMI Docente di pianificazione e progettazione urbanistica

Tema: SOSTENIBILITA’: VOLERLA E PROGETTARLA

· Sabato 25 settembre – ore 17 – Auditorium Gardinazzi -Piazzetta Orefice – Viadana

Relatore: prof.ALESSIO MALCEVSCHI prof. Ricercatore Dip.to Scienze Chimiche, della Vita e della Sostenibilità Ambientale

Tema: IL RUOLO DEI TERRITORI PER UN FUTURO SOSTENIBILE DELL’AGRICOLTURA

· Lunedi 4 ottobre – ore 18.15 – ritrovo al Parco Baden Powell a Viadana, breve camminata con tappe di riflessione, testimonianze e canti verso l’attracco vecchio ponte di barche sul PO; a seguire, ritrovo all’Osteria Bortolino presso cui si terrà la testimonianza dell’imprenditore sociale e pedagogista

JOHNNY DOTTI sul tema della Giornata: “Camminare in una vita nuova, la transizione ecologica per la cura della vita-

In caso di maltempo, la manifestazione si svolgerà presso la Cooperativa PALM W&P a Buzzoletto.

Alla luce delle precedenti riflessioni (la transizione ecologica presuppone un nuovo patto sociale tra tutti i cittadini a qualsiasi categoria appartengano), vista l’indiscussa autorevolezza dei relatori e l’importanza dei temi trattati (poiché il cambiamento climatico continua ad avanzare con danni sempre maggiori ed insostenibili e quindi non c’è più tempo per gli indugi), sono vivamente invitati a partecipare in primis i giovani (essendo in gioco il loro futuro) ma ovviamente anche tutti gli attori sociali del territorio, in particolare gli amministratori pubblici, le forze politiche e sindacali, le associazioni di categoria (agricoltura, commercio, artigianato ecc…), gli educatori (insegnanti ecc…), gli operatori sanitari a vario titolo e naturalmente, le rappresentanze religiose (non solo cattoliche o cristiane) poiché “INSIEME è la parola per costruire il futuro”.

Sarà nessario il Green Pass.

redazione@oglioponews.it

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti