Politica
Commenta

Viadana, il PD chiede spiegazioni
sull'affidamento dell'Asilo Comunale

"Ci preoccupa e chiediamo motivazioni a supporto della decisione di esternalizzare ed affidare in via esclusiva ad operatori ed educatori di una cooperativa esterna la classe dei lattanti pur in presenza di esperte e professionalmente preparate educatrici dipendenti del comune di Viadana"

Il PD di Viadana e la lista Uniti per Viadana hanno presentato un’interrogazione chiedendo chiarimenti e motivazioni in merito alla situazione dell’Asilo Nido Comunale di Viadana. “Ci preoccupa e chiediamo motivazioni a supporto della decisione di esternalizzare ed affidare in via esclusiva ad operatori ed educatori di una cooperativa esterna la classe dei lattanti pur in presenza di esperte e professionalmente preparate educatrici dipendenti del comune di Viadana”. Questo il testo dell’interrogazione.

Oggetto: INTERROGAZIONE IN MERITO ALL’ASSEGNAZIONE DI UNA INTERA CLASSE DI BAMBINI FREQUENTANTI L’ASILO NIDO COMUNALE AL SERVIZIO DI UNA COOPERATIVA ESTERNA PUR IN PRESENZA DI EDUCATRICI DIPENDENTI DEL COMUNE DI VIADANA.

Considerato che, durante questi giorni abbiamo raccolto informazioni in merito alla volontà da parte del Comune di Viadana di assegnare per l’anno scolastico 2021/2022 la gestione della classe dei lattanti/primini che frequenteranno l’Asilo Nido Comunale al personale ed alle educatrici appartenenti alla società cooperativa “Agorà”.

Considerato che, il numero di educatrici d’infanzia alle dipendenze del Comune di Viadana non è sufficiente a gestire in autonomia tutti gli iscritti all’Asilo Nido Comunale e che servono educatrici della cooperativa in quanto negli ultimi anni ci sono state 5 pensionamenti, mai sostituiti con incarichi a tempo indeterminato. Attualmente ci sono 8 educatrici di cui 5 a tempo pieno, 3 part time ma che a causa di questa situazione 2 di queste stanno lavorando full time.

Considerato che, il Comune di Viadana per il solo anno scolastico 2021/2022 ha fatto un nuovo appalto per la gestione delle mensa scolastica che ha coinvolto anche il nido, appalto che prevede in futuro che i pasti del nido siano preparati presso la cucina sita nella scuola materna Bedoli, ma che attualmente i pasti vengono portati dalla vincitrice dell’appalto dal loro centro di cottura presente presso l’ospedale Oglio Po.

CHIEDIAMO AL SINDACO E/O ALL’ASSESSORE COMPETENTE

Se è vero che per l’anno scolastico 2021/2022 verrà assegnata alle educatrici della cooperativa la gestione di una intera classe (primini/lattanti) di bambini che frequentano l’Asilo Nido Comunale?

Nel caso fosse vero, quali sono le motivazioni, pur in presenza di un numero idoneo di educatrici d’infanzia in organigramma e a libro paga del Comune di Viadana, si sia scelto di esternalizzare questa classe?

Come mai il comune non si è attivato per indire una selezione di ricerca per assumere anche nuove educatrici nell’asilo nido?

Quale è il costo complessivo a favore della cooperativa che il Comune di Viadana dovrà riconoscere? Inoltre tale costo è compreso nel Bilancio preventivo 2021 approvato nello scorso mese di Aprile 2021 e relative variazioni approvate nello scorso mese di Luglio 2021?

Visto che i pasti non vengono più preparati in sito, è presente un locale per lo scaldavivande, per la posizionatura dei pasti ed il lavaggio delle stoviglie? Per i lattanti come si è organizzata la struttura?

Come mai il comune non ha organizzato il servizio di tempo prolungato, servizio necessario per le famiglie che usufruiscono di tale struttura?

redazione@oglioponews.it

 

© Riproduzione riservata
Commenti