Ambiente
Commenta

San Matteo, ecco il nuovo Centro
Documentale dell'Ecomuseo

Fino a pochi giorni fa il Centro Documentale di fatto non esisteva, o meglio era parte integrante della struttura e delle stanze in cui si trovano anche i macchinari e le pompe idrovore che regolano l’intero impianto di San Matteo. Adesso invece è più facilmente accessibile.

Un nuovo “vecchio” spazio, che da adesso sarà a disposizione (facilmente) di tutti. E in particolare – si spera – delle scuole del comprensorio Oglio Po: è stato inaugurato sabato il Centro Documentale dell’Ecomuseo Terre d’Acqua di San Matteo delle Chiaviche, ristrutturato con un progetto da 130mila euro complessivi, finanziati per 90mila dal GAL Terre del Po e per la quota restante dal Consorzio di Bonifica del Navarolo, dal Parco Oglio Sud e dal comune di Viadana.

Fino a pochi giorni fa il Centro Documentale di fatto non esisteva, o meglio era parte integrante della struttura e delle stanze in cui si trovano anche i macchinari e le pompe idrovore che regolano l’intero impianto di San Matteo. Adesso invece è più facilmente accessibile, e pure con una maggiore sicurezza, grazie ad un ingresso autonomo e ad un percorso che può stimolare nuovi progetti.

 

 

All’inaugurazione erano presenti diversi sindaci del comprensorio Oglio Po, oltre naturalmente al “padrone di casa” Nicola Cavatorta per Viadana, assieme all’assessore alla Ambiente Alessandro Cavallari. Con loro il presidente del GAL Terre del Po Francesco Meneghetti e il Consorzio di Bonifica del Navarolo al completo col presidente Guglielmo Belletti, i suoi vice Luigi Ardenghi e Piercarlo Barilli, il direttore generale Marco Ferraresi e il direttore amministrativo Giampietro Lazzari.

A completare il quadro il presidente del Parco Oglio Po Alessandro Bignotti e il mondo militare con i Carabinieri di Viadana. Assente invece l’assessore regionale all’Agricoltura Fabio Rolfi, ufficialmente per sopraggiunti impegni ma – secondo i bene informati – per evitare contestazioni dal mondo della caccia. Era presente al suo posto Alessandra Cappellari, consigliere regionale in quota Lega, accompagnata dal parlamentare Andrea Dara.

Ricordiamo che la Settimana Nazionale della Bonifica e dei Consorzi, scattata proprio sabato, termina domenica 3 ottobre: in tal senso il nuovo Centro Documentale è anche un modo per comprendere il lavoro svolto dal Consorzio del Navarolo, senza il quale probabilmente la nostra zona sarebbe essenzialmente paludosa e non in buona simbiosi – per quanto dopo un percorso artificiale – con i suoi fiumi. Il Centro, peraltro, si presta molto bene a ospitare eventualmente anche incontri o convegni.

G.G.

© Riproduzione riservata
Commenti