Eventi
I commenti sono chiusiCommenta

Prossimo weekend ricco per
gli appassionati d'organo

Questo grazie soprattutto all’iniziativa dell’associazione “Giuseppe Serassi” di Guastalla, da tempo attiva sia nella valorizzazione del patrimonio organario delle due sponde del Po che, di riflesso, nella promozione artistica e culturale di territori, quello lombardo e quello emiliano, ricchi di peculiarità e di eccellenze.

Quello di sabato 16 e domenica 17 ottobre sarà un fine settimana all’insegna dei concerti d’organo tra la Bassa Parmense e Reggiana. Questo grazie soprattutto all’iniziativa dell’associazione “Giuseppe Serassi” di Guastalla, da tempo attiva sia nella valorizzazione del patrimonio organario delle due sponde del Po che, di riflesso, nella promozione artistica e culturale di territori, quello lombardo e quello emiliano, ricchi di peculiarità e di eccellenze.

Sabato 16 ottobre, alle 21, nella Chiesa Parrocchiale di Ronco Campo Canneto, comune di Sissa Trecasali (PR), l’Associazione culturale “G. Serassi”propone un concerto del Soprano Nadia Mantelli e dell’organista Simone Serra. L’evento rientra nella rassegna “Antichi organi di Parma e del suo territorio” inserita nelle manifestazioni di Parma 20+21. Saranno eseguite musiche di Pergolesi, Haendel, Morandi, Mozart, Luchesi e Verdi. Nadia Mantelli,Soprano, si è diplomata al Conservatorio Martini di Bologna sotto la guida del M. L.Magiera. Inizia la sua attività artistica vincendo il concorso A. Belli a Spoleto e aprendo la stagione operistica con Stabat Mater di Pergolesi diretto dal M. Palleschi. Riveste ruoli da protagonista ne la tragedia di Carmen, Il ballo delle ingrate, di cui incide un’edizione per la NuovaEra, Elisir D’amore e La bella verità di N. Piccinni. Partecipa al festival barocco di Civita Castellana ne Nisus et Eurialus di D. Mazzocchi e Jephte di G. Carissimi. Frequenta i corsi di perfezionamento del repertorio mozartiano alla Wiener Kammeroper di Vienna e si esibisce presso il Teatro comunale di Bologna ne La cambiale di matrimonio e L’occasione fa l’uomo ladro. Partecipa alla stagione d’opera del teatro di Budapest e incide il Requiem di Luchesi (prima mondiale) per la Tactus. Il suo repertorio è molto vasto, da Monteverdi a Berio, e spazia dal teatro alla musica da camera ai lieder. Simone Serra ha compiuto gli studi musicali presso il Conservatorio “G. B. Martini” di Bologna, diplomandosi in Organo e composizione organistica sotto la guida della Prof.ssa M. G . Filippi e in Composizione seguendo i corsi dei Prof.ri B. M. Furgeri, I. Vandor, L. Macchi. Presso la facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Bologna si è laureato in D. A. M. S.. Ha partecipato a vari corsi di interpretazione organistica e organologia e si è esibito in rassegne su organi storici. È organista della Chiesa Parrocchiale di Anzola Emilia.

Protagonista della serata sarà l’organo costruito da Gaetano Cavalli nel 1880 e restaurato da Pier Paolo Bigi nel 1990.

Domenica 17 ottobre, alle 16, l’Associazione culturale “G. Serassi”proporrà quindi un concerto per soprano e organo nella chiesa parrocchiale dei SS. Faustino e Giovita di Sorbolo (PR). Si esibiranno due musicisti di chiara fama: il soprano Cristina Calzolari e l’organista Federico Perotti. Cristina Calzolari diplomata in pianoforte e canto, si specializza nell’ambito della musica antica e partecipa a festivals in Europa, Israele, Giappone, Messico e Stati Uniti, sia come solista che in ensemble quali Concerto Italiano, La Reverdie, Fantazyas, La Venexiana. Si dedica anche al repertorio contemporaneo partecipando a prime esecuzioni assolute e all’esecuzione di musica per il teatro. Ha registrato per prestigiose etichette discografiche tra cui Opus 111, Naxos, Tactus e per RAI radio 3 Suite, RSI-Radio Svizzera Italiana e per l’emittente televisiva Franco-tedesca Arte. Federico Perotti ha conseguito i diplomi cum laude in Organo e Composizione Organistica e in Composizione studiando presso i conservatori di musica di Piacenza, Como e Milano, specializzandosi poi con S. Sciarrino presso l’Accademia Chigiana e con F. Filidei a Parigi. Ha partecipato a corsi di interpretazione Organistica con grandi maestri tra i quali M. Torrent, M. Radulescu, J.C. Zehnder, C. Stembridge e L.F. Tagliavini. Si è esibito come solista o in diverse formazioni in numerose rassegne nazionali ed internazionali. Sue composizioni sono state eseguite in Svizzera, Germania e Italia in manifestazioni quali: Mese della Musica, MilanoMusica e Incontemporanea. Dal 2015 dirige l’ensemble corale “Vox Silvae “ ed è organista titolare della Cattedrale di Piacenza e della Basilica di San Sisto nella stessa città.

Protagonista della serata sarà l’organo costruito nel 1836 da Giovanni Cavalletti, ultimo esponente di una rinomata famiglia di organari originaria di Ferrara, ottimamente restaurato dalla ditta Luigi Patella di Padova nel 2008 – 2010. Saranno eseguite, tra le altre, musiche di Buxtheude, Scarlatti, Haendel e Padre Davide da Bergamo. L’evento è realizzato in collaborazione con il Comune di Sorbolo-Mezzani e la Parrocchia di Sorbolo e rientra nella rassegna “Antichi organi di Parma” giunta quest’anno alla XIX edizione e inserita nelle manifestazioni di Parma 2020+21.

Sempre Domenica 17 ottobre, alle 17.00, avrà luogo un concerto per due trombe e organo organizzato dalla Associazione “G. Serassi” in collaborazione con Aima e il Comune e la parrocchia di Poviglio. Si tratta del terzo appuntamento del progetto “Musica per la musica”, una proposta pensata per favorire un diverso modo di ascolto che ci informa sulle caratteristiche dei brani eseguiti, considerandone la costruzione, lo stile e il contesto storico di riferimento. L’ascolto diviene così momento di conoscenza e arricchimento culturale promosso dagli stessi esecutori: i trombettisti Simone Amelli e Francesco Gibellini e l’organista Ismaele Gatti. Per l’occasione sarà utilizzato l’organo ottocentesco realizzato dai fratelli Riatti con canne del precedente organo settecentesco Cavalletti restaurato da Pier Paolo Bigi. Il programma proposto proporrà brani di Vivaldi, Bach, Haendel; saranno eseguiti brani scritti appositamente per due trombe. L’ingresso è gratuito fino ad esaurimento posti e le offerte saranno devolute ad Aima; è necessario esibire il Green Pass.

Domenica 17 ottobre, alle 17, nella magnifica chiesa della Immacolata Concezione di Gualtieri si terrà poi il concerto per mezzosoprano e fisarmonica inserito nella rassegna Musica intorno al fiume ed. 2021. Artisti dell’evento culturale saranno il mezzosoprano Valentina Vanini e il fisarmonicista Lorenzo Munari. Valentina Vanini tra l’altro ha un legame particolare con Gualtieri avendo cantato nel film Volevo nascondermi dedicato ad Antonio Ligabue. Il concerto dal titolo Amor sacro e profano sarà dedicato ad autori dei secoli passati con particolare riferimento al tema scelto dagli artisti quali Arcadelt, Caccini, Schubert, Gounod. Il concerto è offerto dall’amministrazione comunale di Gualtieri e Itas assicurazioni di Gualtieri in collaborazione con la parrocchiale. L’ingresso è libero con green pass.

Paolo Panni, Eremita del Po

© Riproduzione riservata
Commenti

I commenti sono chiusi.