scuola
Commenta

Rivarolo del Re, Zanichelli: "Lavori
alla Materna, il paese deve crescere"

"Come Sindaco credo che i piccoli Comuni non possono più permettersi di perdere tempo e di lasciare nulla al caso, serve pianificazione, progettazione, una costante manutenzione delle strutture esistenti e le strutture scolastiche devono essere in ordine"

Un altro piccolo pezzo di strada è stato fatto. Ne resta ancora tanta davanti ma, con la concretezza che lo contraddistingue, Luca Zanichelli, primo cittadino di Rivarolo del Re va avanti. Ad essere interessata da lavori che ne migliorano la struttura la scuola Materna. Importante l’opera realizzata nel giardino della scuola del plesso di Rivarolo del Re ed Uniti che fa parte dell’Istituto comprensivo Marconi. E’ lo stesso sindaco a spiegarci i lavori

“Sono state installate delle tettoie pari a 70 metri quadrati di copertura con apposita pavimentazione sottostante – ci spiega – e relativi percorsi pavimentati che consentono di creare zone di gioco separate e protette all’aria aperta. A breve verranno piantumate nuove essenze oltre a quelle già presenti. L’investimento pari a 55.550 euro è stato finanziato da fondi ministeriali atti a contenere il rischio di diffusione epidemiologico attraverso strutture atte a garantire ingressi contingentati, zone triage, atte a migliorare il distanziamento fisico dei bambini nelle ore educative e di gioco all’aperto nel giardino della scuola”.

La scuola materna di Rivarolo è un piccolo gioiello: lo era già prima, ancor di più adesso: “Ritengo – prosegue Zanichelli – che questo sia un altro utile lavoro fatto nella scuola materna, che diventa così sempre più attrattiva, innovativa, con ambienti idonei a contenere la diffusione epidemiologica nonostante sia frequentata da bambini dai 3 ai 6 anni i quali vivono la scuola come primo momento di socialità di gruppo ed hanno bisogno di spazi sicuri, ben attrezzati e idonei sia internamente che esternamente. Tanta è l’attenzione dell’Amministrazione Comunale, verso i plessi scolastici, in quanto riteniamo la scuola ed i servizi connessi, come punto cardine per il rilancio del Paese in termini di attrattività, con la speranza di un aumento demografico. Il servizio educativo se è svolto in strutture scolastiche all’avanguardia e ben tenute, arricchisce il valore del Comune stesso e soprattutto favorisce la buona riuscita del processo educativo dei nostri bambini e ragazzi”.

Uno sguardo al futuro, anche se il presente non è certo rassicurante: “Come Amministrazione stiamo facendo il possibile per garantire un futuro alle nostre scuole, anche se come Sindaco non nego di essere molto preoccupato del continuo calo delle nascite a Rivarolo del Re ed Uniti, attualmente la media è di circa 10 nascite all’anno. Al 18 ottobre sono 11 il numero delle nascite, ovviamente si parla di numeri troppo bassi in un’ottica di normale sostentamento delle scuole, ma questa è la cruda realtà dei piccoli Comuni. Sono già diversi anni che la media delle nascite è stabile su queste cifre e che il paese soffre di un continuo calo demografico, è necessario un cambio di tendenza che consiste, non nel lasciare andare le cose al proprio destino, ma cercare con tutte le forze indispensabili di ridiventare attrattivi offrendo servizi nuovi ai Cittadini e garantendo il buon funzionamento di quelli esistenti”.

Intanto si continua a lavorare, e non ci si arrende: “Stiamo pianificando un progetto di rilancio per Rivarolo del Re ed Uniti a lungo termine, il paese deve ritornare a crescere. Dobbiamo riuscire ad attrarre famiglie nuove e non fare andare via le giovani coppie originarie di Rivarolo del Re ed Uniti. Stiamo lavorando per creare servizi che possano aiutare le famiglie con figli in età scolastica anche fuori dall’orario di presenza a scuola, l’intento è permettere più elasticità soprattutto alle mamme lavoratrici. Come Sindaco credo che i piccoli Comuni non possono più permettersi di perdere tempo e di lasciare nulla al caso, serve pianificazione, progettazione, una costante manutenzione delle strutture esistenti e le strutture scolastiche devono essere in ordine, dal 27 maggio 2019, data di insediamento del mio mandato amministrativo, abbiamo investito circa 250.000 euro solo nei plessi scolastici, i quali avevano bisogno di un intervento su diversi aspetti. Credo che le scuole siano il cuore di un paese e ne garantiscano il futuro”.

A ringraziare per l’intervento anche la dirigente scolastica del Marconi, Sandra Guidelli. Se la scuola di Rivarolo, e la materna, sono scuole che funzionano oltre alle indubbie qualità dirigenziali e delle maestre che vi lavorano lo si deve anche ad un’Amministrazione attenta alle esigenze. Se Rivarolo ha un futuro, lo ha a partire dai suoi cittadini più piccoli. E l’Amministrazione Rivarolese ed il suo sindaco, al futuro credono forte.

Nazzareno Condina

© Riproduzione riservata
Commenti