Cronaca
Commenta

Ciclovia Vento, avviata
conferenza dei servizi

In questa attività, Aipo svolge le funzioni di ente attuatore della progettazione definitiva ed esecutiva per conto di Regione Lombardia, nonché di stazione appaltante.

E’ stata convocata in questi giorni la Conferenza dei Servizi finalizzata all’approvazione del progetto definitivo del lotto funzionale prioritario lombardo della ciclovia turistica nazionale Vento, tratto da San Rocco al Porto (Lodi) a Stagno Lombardo, 58 km di sviluppo. Essa servirà anche per l’apposizione del vincolo preordinato all’esproprio e per la dichiarazione di pubblica utilità.

L’idea progettuale di Vento, una ciclovia in grado di collegare Torino e Venezia utilizzando in buona parte parte le sommità arginali del Po, è promossa dal Politecnico di Milano (info al sito: https://www.cicloviavento.it/). Il tracciato in questione si sviluppa lungo la Macrotratta 2 (Regione Lombardia) della Ciclovia nazionale Vento, in particolare è composto dalla Tratta L4 e da parte della Tratta L5, attraverso le province di Lodi (con origine nel Comune di San Rocco) e di Cremona (con conclusione nel Comune di Stagno Lombardo).

Sono interessati in totale 11 Comuni, 6 nella Provincia di Lodi (San Rocco al Porto, Santo Stefano Lodigiano, Corno Giovine, Caselle Landi, Castelnuovo Bocca d’Adda, Maccastorna) e 5 nella Provincia di Cremona (Crotta d’Adda, Spinadesco, Cremona, Gerre de’ Caprioli, Stagno Lombardo), sulla sponda sinistra del fiume Po.

In questa attività, Aipo svolge le funzioni di ente attuatore della progettazione definitiva ed esecutiva per conto di Regione Lombardia, nonché di stazione appaltante. Il Rup è l’ing. Alessio Picarelli, Dirigente di Aipo, che si avvale di un gruppo di lavoro composto da alcuni funzionari dell’agenzia e del Raggruppamento temporaneo di progettazione che si è aggiudicato la gara per la progettazione, di cui Mate Engineering è capofila.

La Conferenza dei Servizi fissa in 45 giorni il tempo per l’espressione dei pareri da parte dei soggetti coinvolti. Il progetto definitivo approvato verrà trasmesso alla Regione, che provvederà a inviarlo al Ministero delle Infrastrutture e Mobilità Sostenibili; in seguito vi sarà l’elaborazione del progetto esecutivo, la cui approvazione è prevista entro marzo 2022, cui seguirà la pubblicazione del bando per l’appalto dei lavori.

Aipo è altresì attualmente coinvolta, sempre tramite convenzioni con le rispettive Regioni istitutrici, nella progettazione e realizzazione di altri lotti della ciclovia turistica nazionale Vento: lotto funzionale prioritario piemontese (39 km da Chivasso a Trino Vercellese), in fase di affidamento dell’incarico di progettazione definitiva; tronco 1 del lotto funzionale prioritario emiliano (18 km dall’argine maestro di San Rocco al Porto sul fiume Po alla stazione di Piacenza e in destra Po fino al ponte sul torrente Nure, in località Fossadello), di cui si è recentemente sottoscritta la convenzione, che vede il coinvolgimento anche del comune di Piacenza.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti