Cronaca
Commenta

Bozzolo, accoltella 20enne e
bastona l'ex compagna: arrestato

Verso le 11 di domenica mattina attorno al condominio si è scatenato il finimondo con un vero e proprio assembramento di Forze dell’Ordine, 118 e Vigili del Fuoco.

L’ennesima discussione in famiglia per poco non ha provocato il dramma in una abitazione di Bozzolo. Tutto è accaduto domenica mattina nel condominio di viale Valzania nei pressi del passaggio a livello, dove frequentemente in passato i Carabinieri sono dovuti intervenire per redimere discussioni a volte molto accese.

Verso le 11 di domenica mattina attorno al condominio si è  scatenato il finimondo con un vero e proprio assembramento di Forze dell’Ordine, 118 e Vigili del Fuoco. Questi ultimi, giunti da Viadana, sono arrivati quando i militari erano già entrati nell’appartamento e quindi non c’è più stato bisogno del loro intervento.

L’allarme è scattato in seguito ad una violenta discussione tra un uomo, G. P. di 51 anni con precedenti penali anche per spaccio di stupefacenti, e la sua ex compagna di origini brasiliane. Quest’ultima aveva deciso di ospitare per la notte una coppia di giovani: quando l’uomo è rincasato, ha perso la testa – per cause ancora da accertare – e ha cominciato ad aggredire le due donne e il ragazzo presenti. Ad avere la peggio è stata la ragazza 20enne, colpita da una coltellata a una mano.

 

 

Ma non è tutto: come i carabinieri di Viadana hanno poi rivelato, il 51enne s’è poi scagliato contro la ex compagna, difesa in quel momento dal ragazzo presente, ed è riuscita a colpirla in testa con un bastone. Non contento, l’uomo è uscito in strada e ha cercato di distruggere una cabina dell’Enel a bordo strada. Quando i Carabinieri sono intervenuti, con i militari in forze da Marcaria, Viadana e Bozzolo, il 51enne ha scagliato contro gli stessi lo sportello della cabina appena danneggiata.

I militari sono riusciti a fermare l’uomo, che è finito in manette sulla volante dei Carabinieri e poi è stato portato nella caserma di Viadana, in attesa di andare a processo per direttissima lunedì. Le due donne hanno riportato ferite, che sono state giudicate guaribili in pochi giorni: entrambe sono ricoverate all’ospedale Poma di Mantova.

Ros Pis

© Riproduzione riservata
Commenti