scuola
Commenta

Scuola e Covid, numeri in crescita
ma situazione tranquilla

Entrando nel merito dei vari ordini di scuola, la maggioranza dei positivi è alle primarie, dove sono 20 (0,13%), seguita dalle medie, 8 alunni (0,08%), quindi le superiori con 6 casi (0,04%), mentre nella scuola per l’infanzia sono 4 (0,05%).

Il 77% dei ragazzi cremonesi in fascia scolare (tra i 12 e i 19 anni) è vaccinato contro il Covid-19: sono 20.383 ad aver ricevuto almeno la prima dose. Un dato ben superiore rispetto alla media nazionale, pari al 72,7% (come emerge dal report di Fondazione Gimbe), ma anche rispetto alla media regionale, 74,4% secondo i dati pubblicati dal Governo. Un andamento particolarmente virtuoso, che si rivela  importante se si vanno ad analizzare i dati riportati nell’ultimo monitoraggio della Fondazione Gimbe “Sicurezza Covid-19 nelle scuole”.

Il report mette in allerta sul fatto che sebbene non vi sia ancora un “effetto scuola” della pandemia, “i focolai segnalati invitano a tenere alta la guardia”. Il monitoraggio effettuato nella settimana 20-26 ottobre, rileva infatti un netto aumento dei nuovi casi settimanali nel nostro Paese: da 17.870 a 25.585, sebbene la crescita potrebbe in parte essere legata all’incremento dei tamponi totali.

Sul territorio cremonese il dato (fornito da Ats Val Padana) è più che raddoppiato, anche se fortunatamente con numeri ancora bassissimi: dallo 0,03% di incidenza della settimana precedente, si è passati allo 0,08%, con 38 alunni positivi e 15 classi isolate (la settimana prima erano 16 alunni e 6 classi). Ovviamente più che doppio è anche il numero degli alunni in isolamento: ora 289, sette giorni prima 110.

Entrando nel merito dei vari ordini di scuola, la maggioranza dei positivi è alle primarie, dove sono 20 (0,13%), seguita dalle medie, 8 alunni (0,08%), quindi le superiori con 6 casi (0,04%), mentre nella scuola per l’infanzia sono 4 (0,05%).

Laura Bosio

© Riproduzione riservata
Commenti