Cronaca
Commenta

San Martino, partita la fiera del
Libro, oggi incontri con gli autori

Ai giovani era indirettamente rivolta una sottolineatura emersa durante l’illustrazione di don Umberto Zaniboni a proposito del libro Ho bisogno di amicizia scritto insieme a don Bruno Bignami. Una intensa raccolta di lettere che don Primo Mazzolari ebbe a scambiarsi con don Guido Astori

Il paese di Ferrante Aporti, pedagogista e pioniere dell’educazione scolastica infantile, al centro di una interessante manifestazione per ribadire l’importanza dei libri nella diffusione della cultura. Peccato che di giovani se ne siano visti pochi sabato pomeriggio all’interno della Chiesa Castello di San Martino dall’Argine dove è stata organizzata la X edizione della Fiera del libro del Territorio Oglio Po che proseguirà anche nella giornata odierna, domenica, con la presentazione di nuovi libri grazie all’iniziativa della Società Storica Viadanese e del Coordinamento Proloco Zona territoriale Oglio Po.

Ai giovani era indirettamente rivolta una sottolineatura emersa durante l’illustrazione di don Umberto Zaniboni a proposito del libro Ho bisogno di amicizia scritto insieme a don Bruno Bignami. Una intensa raccolta di lettere che don Primo Mazzolari ebbe a scambiarsi con don Guido Astori tra il 1908 e il 1959 e che ha generato una considerazione dialogando con Alberto Sarzi Madidini a proposito dei moderni metodi di comunicazione in uso sopratutto tra i giovani.

Un raffronto implacabile tra i messaggini diffusi premendo i tasti su un telefonino oggigiorno rispetto alla straordinaria documentazione cartacea che la Storia ha saputo conservare e trasmettere. Nel volume di don Zaniboni, per tanti anni vicario a Sabbioneta non si fa cenno alla causa di beatificazione in corso per don Primo Mazzolari anche se si è capito che la scelta del Vescovo di Cremona di porre don Umberto all’esclusivo servizio di tale causa lascia intravedere una volontà di accelerazione nel dare al prete di Bozzolo e Cicognara l’aureola che tutti attendono.

Tra una visita alle bancarelle di espositori e il momento inaugurale della manifestazione tenuto dai vari sindaci del territorio (San Martino, Dosolo, Commessaggio, Casalmaggiore, Sabbioneta e Viadana) insieme al presidente della Società Storica Viadanese Giorgio Milanesi vi sono state le presentazioni di altri libri come i due scritti da Emanuele Gualerzi, Una vita, una sfida e Le false verità attraverso cui il giovane di Sabbioneta racconta il miracolo che gli ha permesso di sopravvivere alle infauste diagnosi dei medici grazie ad una immensa e ricambiata fede in Dio arrivando persino a sventare gli intrighi satanici.

E’ seguito poi Diario di una Primavera a cura di Ildebrando Bruno Volpi e Enrico Garlaschelli sempre dedicato a don Mazzolari. A cura di Letizia Frigerio il Catalogo della Mostra del Bijou mentre Claudio Fraccari ha presentato Le spine della rosa. Oggi domenica dopo la visita guidata ai luoghi storici di San Martino, Ermanno Finzi attorno alle 16 parlerà delle vicende storico economiche delle comunità ebraiche tra mantovano e cremonese attraverso il libro Il denaro rende liberi?, Giancarlo Malagutti parlerà di Sabbioneta tra magia e sogno mentre Luigi Cavatorta illustrerà gli Scutmài usati per descrivere le persone. Francesco Osini presenterà il suo libro Destra o sinistra mentre il notaio Mauro Acquaroni porterà la sua ultima fatica letteraria Ho visto (J’ai vu) pubblicato nel 2019.

Ros Pis

© Riproduzione riservata
Commenti