Cronaca
Commenta

Sanità, il DG Pavesi rassicura i sindaci,
il distretto Casalasco Viadanese si farà

Lo stesso Pavesi, che inizialmente, nell'incontro di luglio, aveva avuto qualche perplessità sulla gestione di questo distretto interprovinciale, ha invece oggi avuto reazioni molto positive, parlando di sfida stimolante e di giuste istanze sul rapporto bidirezionale tra ospedale e territorio. GUARDA IL SERVIZIO TG DI CREMONA 1

Giovedì 18 novembre, nel pomeriggio, in Regione Lombardia si è tenuto un incontro tra il dg Welfare Giovanni Pavesi e una rappresentanza di Sindaci dell’Ambito casalasco – viadanese composta da Filippo Bongiovanni, sindaco di Casalmaggiore Nicola Cavatorta, Sindaco di Viadana, Luca Zanichelli Sindaco di Rivarolo del Re e Valeria Patelli, sindaco di Calvatone.

L’incontro, voluto dallo stesso Dg, ha riguardato il documento inviato in Regione il 28 ottobre u.s. e sottoscritto dai 27 Sindaci dell’area, contenente varie richieste inerenti la legge di riforma della sanità regionale e in particolare la richiesta di un distretto unico dell’Oglio Po. Il dg Pavesi ha agito anche su mandato dell’assessore al Welfare e vicepresidente di Regione Lombardia Letizia Moratti, la quale considera importantissime le opinioni e le istanze dei Sindaci.

Si è dunque entrati nel merito del documento presentato, esaminando le future case di comunità e gli ospedali di Comunità, tra Casalmaggiore, Viadana e Bozzolo, ma soprattutto sono state date rassicurazioni sulla possibilità di arrivare a definire, già nei prossimi giorni, il distretto Oglio Po, in modo che possa integrarsi alla modifica della legge di riforma regionale che è in corso di discussione in consiglio.

Lo stesso Pavesi, che inizialmente, nell’incontro di luglio, aveva avuto qualche perplessità sulla gestione di questo distretto interprovinciale, ha invece oggi avuto reazioni molto positive, parlando di sfida stimolante e di giuste istanze sul rapporto bidirezionale tra ospedale e territorio e di connaturata maggior tutela dei servizi erogati sia sanitari che socio sanitari nel territorio Oglio po. “È stato un incontro molto franco e concreto, – dice il Sindaco Bongiovanni – siamo fiduciosi di ottenere quanto richiesto, che si badi bene non è scontato, la legge di riforma non contempla distretti tra due asst, per l’oglio po serve una deroga o una formulazione speciale della stessa”.

“Ringrazio il dg Giovanni Pavesi – così il Sindaco Cavatorta – per la disponibilità ad ascoltare noi sindaci e l’attenzione che ha rivolto al nostro territorio in accordo con la vice presidente Letizia Moratti. Prosegue con costanza e determinazione il lavoro svolto da noi amministratori in favore dei servizi sanitari dell’ambito OglioPo”.

“La disponibilità manifestata ad accogliere le istanze provenienti dal territorio e dai sindaci – afferma il Sindaco Valeria Patelli – indica la concreta possibilità di dare vita ad un distretto unico, capace di rafforzare i servizi socio sanitari e renderli più vicini e fruibili, in un’area vasta come quella dell’Oglio Po, nell’ottica di pieno servizio al cittadino”.

“Importante che regione Lombardia, rappresentata in questo caso specifico dalla Vice presidente e assessore Welfare Letizia Moratti, abbia dato massima importanza alla scelta di un distretto sanitario unico, come tema identitario del nostro territorio e soprattutto come condivisione della scelta univoca del territorio Casalasco – Viadanese” conclude il Sindaco Zanichelli.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti