Sport
Commenta

Bastoni, Inter-Lazio consacrazione:
e per l'Italia può diventare un leader

Da difensore centrale ma anche da goleador e assistman: miglior partita in nerazzurro per lui, voto 8 sulla Gazzetta dello Sport e, se giocate al fantacalcio, +4 con gol e passaggio decisivo per Skriniar. Come a dire, la rivoluzione della classe operaia.

Per uno la consacrazione, per l’altro l’esordio in serie A. Si scrive derby della Madunina, si legge derby Scudetto: Inter e Milan parlano però anche cremonese, o casalasco se preferite. Perché domenica 9 gennaio sarà un giorno da ricordare nell’economia del campionato ma anche per Alessandro Bastoni e Luca Stanga.

Il primo, classe 1999 da Piadena Drizzona, si è ormai preso l’Inter e, di questo passo, pure la Nazionale Italiana. Da difensore centrale ma anche da goleador e assistman: miglior partita in nerazzurro per lui, voto 8 sulla Gazzetta dello Sport e, se giocate al fantacalcio, +4 con gol e passaggio decisivo per Skriniar. Come a dire, la rivoluzione della classe operaia.

O del pacchetto difensivo, come lo stesso Bastoni ha raccontato a Inter Channel. “E’ inusuale per noi difensori essere protagonisti, ma la prestazione di oggi dimostra che ci siamo anche noi. A chi mi ispiro? Cerco solo di essere me stesso e ringrazio Mino Favini, che all’Atalanta mi ha insegnato alcuni fondamentali e mi ha spinto a provarci anche a livello offensivo, senza dimenticare mai i miei compiti difensivi”. Non segnava dal 28 giugno 2020 in casa del Parma, Alessandro. Si è rifatto, con gli interessi e il suo quarto gol in A, dell’attesa.

Poche ore prima a Venezia, col Milan avanti 3-0, l’allenatore rossonero Stefano Pioli al minuto 88 ha regalato l’esordio in A, inserendolo di Florenzi, a Luca Stanga. Classe 2002, Luca è di Moscazzano e gioca nella Primavera del Milan allenata da Federico Giunti. Cresciuto nella CR 81 Duemila di Credera Rubbiano, il terzino destro ha coronato un sogno iniziato quando aveva sei anni, finendo proprio nella Scuola Calcio e poi nel Settore Giovanile del Milan. Insomma, si scrive derby della Madunina, si legge sfida Scudetto tutta cremonese…

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti