Cronaca
Commenta

Solidarietà familiare e affido:
serata informativa a Gazzuolo

Gli interessati (singoli cittadini, coppie, gruppi informali di genitori) avranno modo di scoprire se queste esperienze di accoglienza possono essere possibili all’interno del loro orizzonte personale/familiare e di conoscere la molteplicità di interventi e ruoli che si possono esercitare in collaborazione con le istituzioni a supporto del progetto

Martedì 1 febbraio alle ore 20.30 presso la Sala Civica Sara Pirotti del Centro Sociale “Il divertimento” di Gazzuolo (entrata da via Gonzaga) l’Azienda Speciale Consortile Oglio Po e Solidarietà Educativa di Pegognaga organizzano la terza serata di sensibilizzazione e informazione sul progetto “Si può fare” per avviare percorsi di solidarietà familiare e affidi leggeri in collaborazione con coppie e famiglie del territorio.

Sarà l’occasione, per l’Azienda Speciale Consortile, di presentare il contesto e la necessità di disporre di realtà di accoglienza per i minori in difficoltà, per l’associazione Solidarietà Educativa di entrare subito nel vivo del tema affido e solidarietà familiare.

Gli interessati (singoli cittadini, coppie, gruppi informali di genitori) avranno modo di scoprire se queste esperienze di accoglienza possono essere possibili all’interno del loro orizzonte personale/familiare e di conoscere la molteplicità di interventi e ruoli che si possono esercitare in collaborazione con le istituzioni a supporto del progetto. Inoltre, durante la serata alcune famiglie affidatarie porteranno il proprio racconto e testimonianza e Solidarietà Educativa, associazione che da anni segue minori temporaneamente allontanati dalle famiglie di origine, illustrerà il proprio impegno su queste tematiche.

Per partecipare all’incontro sarà necessario segnalare la propria partecipazione inviando una email a agenziaperlafamiglia@consociale.it o contattando il seguente numero telefonico 340-5042687. All’ingresso della Sala Civica sarà verificata la validità del green pass.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti