Cronaca
Commenta

Nuovi treni, ritardi, tariffe: le
opposizioni incontrano i pendolari

Oggi alle 18, a palazzo Pirelli, i gruppi di opposizione in consiglio regionale incontreranno i Comitati dei pendolari. Le opposizioni ascolteranno le denunce di disagi e le richieste dei pendolari che la giunta e la maggioranza si sono rifiutate di ascoltare.

“Questa mattina abbiamo posto direttamente all’amministratore delegato di Trenord le problematiche relative alle nostre linee, a partire dalla linea ferroviaria Mantova-Cremona, chiedendo notizie circa l’immissione dei nuovi treni, inizialmente non previsti, e chiarimenti in merito alle azioni necessarie per superare i frequenti guasti del materiale rotabile impiegato sulle linee della nostra provincia” lo fa sapere il consigliere regionale del Pd Matteo Piloni, a margine dell’audizione che si è svolta con Marco Piuri, intervenuto in commissione Trasporti per fare il punto sull’offerta del servizio ferroviario, anche in presenza dell’assessora Claudia Terzi.

“Ci è stato risposto che, contrariamente a quanto previsto in precedenza e comunicato anche nella stessa commissione nel giugno 2021, saranno introdotti entro l’anno nuovi treni anche sulla Mantova-Cremona e, nello specifico, si tratterà di treni ‘Donizetti’ che si aggiungono a quelli annunciati per settembre sulle linee Cremona-Treviglio e Cremona-Brescia e agli attuali Vivalto utilizzati sulla linea Mantova-Cremona-Milano. Mentre per la Parma-Brescia è previsto da settembre l’arrivo di treni ‘Colleoni’” riferisce Piloni.

“Evidentemente, le richieste e le sollecitazioni provenienti dal territorio, anche nei giorni scorsi, amministratori e pendolari in testa, sono state efficaci – sottolinea il consigliere dem, ribadendo come dalle ultime comunicazioni la linea Mantova-Cremona non risultasse destinataria di nuovi convogli -. In ogni caso, anche in vista dell’arrivo dei nuovi treni, rimane irrisolta la questione fondamentale di una corretta programmazione della gestione della manutenzione che, ancora in queste settimane, ha provocato numerosi disagi, tra ritardi e soppressioni, a causa di frequenti malfunzionamenti dei mezzi”.

“La Regione, inoltre, deve pensare a una politica tariffaria di abbonamenti volta ad incentivare l’uso del trasporto pubblico – aggiunge Piloni e conclude – infine, è necessaria e urgente una riorganizzazione dei servizi che garantisca una flessibilità in grado di dare risposte rapide a un nuovo aumento della domanda e che, in collaborazione con le Agenzie del trasporto pubblico locale, sia in grado di integrare efficacemente il sistema di ferro e gomma, tenendo conto anche delle nuove forme di smart working”.

Oggi alle 18, a palazzo Pirelli, i gruppi di opposizione in consiglio regionale incontreranno i Comitati dei pendolari. Le opposizioni ascolteranno le denunce di disagi e le richieste dei pendolari che la giunta e la maggioranza si sono rifiutate di ascoltare.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti