Salute
Commenta

Domenica centri vaccinali
aperti a Cremona e Mantova

A coloro che, pur essendo idonei, ancora oggi non sono vaccinati o non hanno ricevuto la terza dose dopo il completamento del ciclo vaccinale primario da più di quattro mesi, l’ATS della Val Padana rinnova l’invito a vaccinarsi cogliendo questa ulteriore opportunità.

Anche nella mattinata di domenica 13 marzo, l’ATS della Val Padana e le ASST di Cremona e Mantova, offrono la possibilità di accedere senza prenotazione ai centri vaccinali per ricevere la vaccinazione anti Covid-19.

ASST CREMONA

Accesso libero per tutte le fasce di età (dai 5 anni compiuti)

Domenica 13 marzo 2022 – Centro vaccinale Sapiens, via A. Stefanoni, 1 -Costa S. Abramo (Castelverde)–  dalle 8 alle 12

ASST DI MANTOVA

Accesso libero con linea dedicata adulti e adolescenti (Over 12)

Domenica 13 marzo 2022 – Grana Padano Arenadalle 9 alle 13

A fronte del progressivo allentamento delle misure sanitarie di contenimento della pandemia e dell’arresto della discesa della curva di incidenza dei nuovi casi, si ritiene importante ribadire come la vaccinazione rimanga uno strumento di prevenzione fondamentale per proteggere la propria salute e mantenere le attuali condizioni di vita economica, sociale e relazionale.

A coloro che, pur essendo idonei, ancora oggi non sono vaccinati o non hanno ricevuto la terza dose dopo il completamento del ciclo vaccinale primario da più di quattro mesi, l’ATS della Val Padana rinnova l’invito a vaccinarsi cogliendo questa ulteriore opportunità.

Si ricorda che presso tali centri è possibile ricevere anche il nuovo vaccino Novavax somministrabile a coloro che abbiano compiuto i 18 anni d’età e si presentino per la loro prima dose di vaccino. Questo vaccino infatti viene somministrato al momento solo per il primo ciclo (2 dosi a distanza di almeno 21 giorni l’una dall’altra) e non come dose booster (terza dose) a chi ha già eseguito un ciclo primario con altri vaccini anti Covid-19.

Chi avesse ancora dei dubbi, nonostante le ampie e consolidate evidenze scientifiche, può rivolgersi al proprio medico di fiducia o al pediatra di famiglia, per ricevere le informazioni e rassicurazioni necessarie, ferma restando sempre dirimente, in ogni caso, la valutazione da parte del medico vaccinatore al momento dell’anamnesi presso il Centro vaccinale.

Rivolgiamo infine un appello alle famiglie e alle associazioni che, per effetto della guerra in corso, ospitano persone provenienti dall’Ucraina, affinché invitino i propri ospiti – qualora non ancora vaccinati – ad aderire alla campagna vaccinale sfruttando questa opportunità.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti