Cronaca
I commenti sono chiusiCommenta

Viadana, meeting Lions, focus sulla
Protezione Civile e sul Team Alert

La volontà di creare Lions Alert Team Onlus, ha spiegato Fulvio Venturi, maturò a seguito dell’esperienza vissuta in occasione del terremoto d’Abruzzo; è stata la prima struttura di protezione civile Lions in Italia

Del binomio possibile tra Lions e Protezione Civile hanno trattato il presidente della Protezione Civile Oglio Po-Viadana ODV Ettore Bergamaschi, nonché Fulvio Venturi e Massimo Ughini, rispettivamente presidente e vice presidente di Lions Alert Team Onlus, nel corso di un meeting promosso dal LC Viadana Oglio Po di Luca Salvagni.

L’associazione di Ettore Bergamaschi è attiva da oltre vent’anni ed è convenzionata con i Comuni di Viadana e Dosolo; è accreditata al Dipartimento di Protezione Civile nazionale, struttura incardinata presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Con i suoi sessanta volontari vigila su 40 km di tratto arginale e interviene in tutte le situazioni di emergenza, anche concomitanti, come sta accadendo con la pandemia Covid e il soccorso ai profughi ucraini; ad esempio, coordinata dal Dipartimento, ha allestito una tensostruttura a Mantova per tamponi e vaccinazioni e ha fornito tende da campo in Polonia; inoltre ha gestito l’Hub vaccinale di Viadana, garantendo 26 turni settimanali.

Massimo Ughini, nella veste di responsabile del gruppo volontari protezione civile di Cassano d’Adda, ha ripercorso la storia del volontariato, nato in occasione dall’alluvione di Firenze del 1966 e dei terremoti del Friuli e dell’Irpinia. I gruppi locali operano all’interno dei Centri Operativi Comunali a supporto dei Sindaci, che sono autorità di protezione civile, per la direzione e il coordinamento dei servizi di soccorso e di assistenza alla popolazione in caso di calamità. Ha ricordato il lavoro svolto dal suo gruppo nel corso di Expo Milano 2015 e il recente allestimento a Bresso di un campo regionale per l’accoglienza dei profughi.

La volontà di creare Lions Alert Team Onlus, ha spiegato Fulvio Venturi, maturò a seguito dell’esperienza vissuta in occasione del terremoto d’Abruzzo; è stata la prima struttura di protezione civile Lions in Italia. L’associazione, costituita nel 2014, ha sede a Borgo Virgilio ed è iscritta, oltre che nel Registro regionale del Volontariato, nell’Elenco regionale dei soggetti di rilevanza per il sistema di protezione civile lombardo. Opera come associazione di secondo livello (al pari dell’Associazione Nazionale Alpini o i Cavalieri di Malta) e dal 2018 è convenzionata con Regione Lombardia per attività di supporto del sistema regionale di protezione civile. Si occupa in maniera prevalente di informazione e prevenzione nelle scuole e tra la popolazione e ha sviluppato il “Pacchetto Comune Protetto” negli ambiti della sicurezza domestica, della sicurezza nel territorio e della tutela ambientale: diffonde la cultura della protezione civile, i concetti di autoprotezione e spiega come comportarsi in caso di pericolo.

Particolarmente efficace si è rivelato l’intervento di Alberto Ziliani, coordinatore per il distretto Lions 108Ib2 di Alert Team, service del Dipartimento Ambiente, che ha il compito di fare prevenzione, reperire e consegnare beni di prima necessità e fornire aiuto psicologico in caso di emergenza. Tutti i soci lions devono diventare le “Sentinelle del proprio territorio” segnalando alle autorità locali le situazioni di pericolo, anche potenziale, che si presentano nella zona che ciascuno abita e frequenta. Non dovremmo più leggere notizie come: “Muore a cinque anni travolta da una porta di calcio” non ancorata al suolo, perché nessuno ha provveduto a segnalare il rischio e a porvi rimedio. Di fronte a simili tragedie dobbiamo sentirci tutti responsabili e adeguare in questi casi il nostro motto in “là dove c’è un pericolo, c’è un Lion”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti

I commenti sono chiusi.