Chiesa
I commenti sono chiusiCommenta

La Lanterna del Po avanza nel
cammino di Pace: il 2 a Pontirolo

L’obiettivo di questo viaggio della Lanterna del Po, come ricordano i promotori, è quello di coinvolgere e unire la gente, partendo dalle terre del Po, portando tutti ad invocare, insieme, la pace: oggi più che mai urgente. Quella pace di cui occorre innanzitutto la consapevolezza, costruendola anche nelle nostre azioni quotidiane. GUARDA IL SERVIZIO TG DI CREMONA 1

La “Lanterna del Po”, iniziativa promossa dal gruppo Amici del Grande fiume di Polesine Zibello (Parma), prosegue il suo viaggio di pace fra le terre del Po, dell’una e dell’altra riva. Viaggio iniziato, nelle scorse settimane, a Zibello (Parma), proseguito poi a Isola Pescaroli (Cremona) nel santuario della Madonna della Fiducia e, quindi, a Brancere (Cremona). In quest’ultima località, la Lanterna del Po, dopo una breve sosta alla santella votiva della Regina del Po, opera di Graziano Bertoldi, inaugurata per il Giubileo del 2000 è stata custodita nella chiesa parrocchiale per il periodo della Pasqua ed ora riprende il suo viaggio, di nuovo nel Cremonese.

Lunedì sera, 2 maggio, arriverà a Pontirolo Capredoni, frazione di Piadena, dove parteciperà, alle 20.30, alla tradizionale fiaccolata con l’antico rito delle rogazioni per la festa patronale Santa Maria di Lamo. La fiaccolata partirà dalla chiesa di San Rocco e arriverà alla cappelletta di Santa Maria di Lamo dove sarà celebrata la messa. La “Lanterna del Po” resterà a Pontirolo Capredoni alcuni giorni e poi riprenderà il suo viaggio di pace, sostando di nuovo, brevemente, a Brancere per poi partire con destinazione Calendasco (Piacenza), terra di San Corrado Confalonieri.

L’obiettivo di questo viaggio della Lanterna del Po, come ricordano i promotori, è quello di coinvolgere e unire la gente, partendo dalle terre del Po, portando tutti ad invocare, insieme, la pace: oggi più che mai urgente. Quella pace di cui occorre innanzitutto la consapevolezza, costruendola anche nelle nostre azioni quotidiane.

L’iniziativa vuole mantenere del tutto il suo carattere popolare e spontaneo. Per questo motivo non è stato programmato alcun itinerario. Ogni comunità che riceverà la Lanterna deciderà per quanto tempo, dove e come trattenerla per poi consegnarla, a propria volta, ad altre comunità, dell’una e dell’altra riva. Il viaggio, è importante sottolinearlo, può essere liberamente esteso anche a comunità non necessariamente rivierasche del Po (come nel caso di Pontirolo Capredoni).

L’obiettivo è di far rientrare la Lanterna del Po a Zibello in occasione delle festività natalizie 2022. Per informazioni e per programmare le successive tappe, aperte indistintamente a tutti, è possibile contattare i numeri 3402499355 (Paolo Panni) e 3356205908 (Fabio Pezzini).

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti

I commenti sono chiusi.