Salute
Commenta

Oglio Po, giornata mondiale contro
l'Ipertensione. 17 maggio Open Day

L’evento è realizzato dall’UO di Medicina Interna dell’Ospedale Oglio Po, diretta da Giorgio Ragni, in collaborazione con l’UO di Cardiologia, la Croce Rossa Italiana di Casalmaggiore e l’UOSD Promozione della Salute e Sviluppo delle Reti di ATS Val Padana

L'equipe di Medicina dell'Ospedale Oglio Po

Misura la tua pressione sanguigna con precisione, controllala, vivi più a lungo è lo slogan della XVIII Giornata Mondiale contro l’Ipertensione Arteriosa promossa dalla World Hypertension League, ma anche una raccomandazione rivolta alla popolazione per smuovere le coscienze e orientarle verso una corretta prevenzione della patologia cardiovascolare.

ASST Cremona aderisce anche quest’anno alla campagna internazionale con un’iniziativa aperta ai cittadini che si svolgerà martedì 17 maggio, dalle 12.30 alle 17, presso Piazza Garibaldi a Casalmaggiore.

Nel corso del pomeriggio a tutti i partecipanti verrà effettuata una breve visita medica, durante la quale saranno date indicazioni rispetto a:

  • corrette modalità di auto misurazione della pressione arteriosa, sarà effettuata eventuale verifica della taratura delle apparecchiature domiciliari oltre, ovviamente, alla misurazione della pressione da parte del personale sanitario;
  • possibili conseguenze di valori pressori elevati;
  • fattori di rischio per ipertensione arteriosa (es. sovrappeso, sedentarietà, eccessivo consumo di sale etc.);
  • prevenzione (evitare l’eccesso di sale, svolgere attività fisica, limitare l’uso di alcol, etc.);
  • quando rivolgersi al medico di famiglia o allo specialista in ipertensione arteriosa.

L’evento è realizzato dall’UO di Medicina Interna dell’Ospedale Oglio Po, diretta da Giorgio Ragni, in collaborazione con l’UO di Cardiologia, la Croce Rossa Italiana di Casalmaggiore e l’UOSD Promozione della Salute e Sviluppo delle Reti di ATS Val Padana, che parteciperà con i propri operatori per informare i cittadini sui temi di prevenzione e promozione di stili di vita salutari (gruppi di cammino, no tabagismo, etc.).

Ipertensione arteriosa negli anziani: come affrontarla al meglio con l’arrivo dell’estate. A cura dell’equipe di Medicina Interna, Ospedale Oglio Po. Il primo stadio dell’ipertensione arteriosa emerge quando vengono individuati valori compresi tra 140-159 mmHg (sistolica) e 90-99 mmHg (diastolica). Con l’invecchiamento la pressione arteriosa tende a salire, a causa della spesso concomitante aterosclerosi vascolare con conseguente perdita di elasticità dei vasi sanguigni. Per questo si rende necessario intraprendere trattamenti farmacologici con la finalità di normalizzare gli indici tensivi e ridurre il prevenire le complicanze ormai note, quali infarto, angina, ictus, scompenso cardiaco e insufficienza renale.

Con l’arrivo dell’estate e della stagione calda la pressione arteriosa, per effetto del rialzo delle temperature, tende a scendere talvolta in modo improvviso e repentino (sincope). Per questo è consigliabile ricalibrare le terapie farmacologiche per mantenere il più possibile nella norma i livelli pressori, ricorrendo, in primis al proprio medico di medicina generale ed eventualmente anche a uno specialista ospedaliero.

Per chi, invece, continua ad avere valori elevati, per abbassare la pressione è consigliabile:

  • preferire cibi freschi (frutta e verdura) a cibi salati, confezionati e gli insaccati;
  • fare esercizio fisico moderato e regolare, nelle ore meno calde della giornata;
  • ridurre al minimo il consumo di caffè, alcool e altre sostanze eccitanti (incluso il fumo).

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti