Politica
Commenta

Pomponesco, Maicol Caffarra, focus
sui giovani tra studio e lavoro

"iamo consapevoli che bisogna rimboccarsi molto le maniche per portare a termine ogni idea ma siamo ancora più determinati affinché possa essere il paese che vogliamo: dinamico, competente e ricco di servizi e opportunità"

Prosegue spedita a Pomponesco la campagna elettorale di Maicol Caffarra che sta illustrando il proprio programma un punto alla volta. Questa volta, al centro dell’attenzione, i giovani. “Il nostro paese – spiega il candidato di Pomponesco Dinamica – ha la necessità, per poter vivere, di persone preparate che possano portare a Pomponesco competenze lavorative, anche innovative. Una idea sulla quale vogliamo lavorare è la creazione di un fondo per sostenere i giovani che vogliono fare esperienze dell’estero nel periodo formativo o a studi conclusi, per poter apprendere nuove capacità, importando un know-how da spendere in ambito lavorativo, sul nostro territorio.

Un’altra priorità su cui vogliamo investire da subito è il servizio civile, che ogni giovane dai 18 ai 28 anni può fare. Crediamo possa essere un’importante risorsa per il comune e la società tanto quanto può essere fondamentale per la crescita personale di chi decide tra il periodo scolastico e l’ingresso nel mondo del lavoro di mettersi a disposizione percependo una retribuzione mentre lavora per la nostra comunità.

A questo prevediamo di affiancare un servizio “Informagiovani”: i ragazzi hanno la necessità di un sostegno ed un confronto, hanno frequentemente il bisogno di un legame con le istituzioni che spesso si arroccano nei loro uffici: lo sportello “informagiovani” potrebbe essere la chiave di volta affinché si possa ricostruire un dialogo tra i cittadini e le istituzioni di cui necessitano; nel nostro progetto avrà anche il compito di svolgere la funzione – fondamentale – di connessione tra le aziende del territorio e chi si affaccia al mondo lavorativo.

L’incentivazione all’insediamento nel paese di nuovi nuclei famigliari passa anche attraverso queste politiche, ma anche tramite progetti finalizzati ed incentivi a sostegno delle giovani famiglie con bambini e minori che scelgono il nostro paese come culla di vita.

Siamo consapevoli che bisogna rimboccarsi molto le maniche per portare a termine ogni idea ma siamo ancora più determinati affinché possa essere il paese che vogliamo: dinamico, competente e ricco di servizi e opportunità.

Stiamo vivendo una particolare momento storico della società in cui si parla sempre più di giovani e di futuro, dove i primi hanno sempre meno certezze rispetto al secondo, dove gravati anche da due anni di pandemia, la parte di società che in primis ha bisogno di interazioni sociali ha dovuto mettere in primo piano la sicurezza sanitaria rispetto alle proprie abitudini, aspirazioni di vita e talvolta perdendo anche tante speranze.

Vogliamo rendere Pomponesco attrattiva attraverso servizi e innalzamento della qualità della vita e permettere ai nostri cittadini di realizzarsi lavorativamente e personalmente in un luogo sicuro e ricco di risorse e servizi.

Di ciò se ne sente spesso parlare, ad ogni livello, politico, amministrativo, perché si sente sempre più la necessità di costruire un futuro che è in bilico. La politica locale può fare qualcosa? Siamo certi di sì“.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti