Eventi
Commenta

Festa del Navarolo e ColtivaCorti,
un grande ritorno per due

Festa del Navarolo e del Luartis: un grande ritorno tra il Torrazzo Gonzaghesco e il ponte sul Navarolo di Commessaggio con una partecipazione davvero ottimale. GUARDA IL SERVIZIO TG DI CREMONA 1 E I VIDEO INTEGRALI

Festa del Navarolo e del Luartis: un grande ritorno tra il Torrazzo Gonzaghesco e il ponte sul Navarolo di Commessaggio con una partecipazione davvero ottimale. Una “due giorni”, nel weekend, condita dalle premiazioni del festival ColtivaCorti Diretti, tornato in presenza dopo due anni e organizzato dai Genitori Instabili, che hanno invitato in giuria il regista romano Paolo Bianchini e lo showman Francesco Salvi. Per Valter Cavalli, tra gli organizzatori della serata presentata da Matteo Uccellini, un vero successo.

QUI SOTTO GLI INTERVENTI DELLA GIURIA DAL PALCO

A trionfare sono stati il corto fiorentino “Giocattoli” di Massimiliano Nocco, con menzione per “L’altra terra” del milanese Daniele Pignatelli. E ancora tra i documentari “Sa Ilgiadore de su tempus” da Urbino per la regia di Filippo Biagianti, con “La terra cotta preistorica” di Saverio Caracciolo, di Tropea, menzionato.

Tra i corti delle scuole ha vinto “Mama” dell’istituto “Marino” con Valter Nanni girato a Casoli (Chieti) e “Plastica da sgranocchiare” della scuola Marconi di Casalmaggiore con la classe 4° B e l’insegnante Donatella Araldi menzionati. Infine due film stranieri nel tema libero: premio a “Don vs Lightning” di Johnny Burns e Pier Van Tijn dal Regno Unito e menzione a “Lost King” di Brian Lawes, dagli Stati Uniti. Un weekend che ha funzionato bene, conferma per l’associazione Il Torrazzo Federico Agosta Del Forte: “Abbiamo visto premiati i nostri sforzi: dopo due anni difficili avevamo bisogno di un evento di questo genere”.

QUI SOTTO GLI INTERVENTI DI CAVALLI E AGOSTA DEL FORTE

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti