Sport
Commenta

Campus Sport e Natura,
un primo bilancio di Eleonora Galli

Tra la pista di atletica e gli spazi verdi sono tantissime le attività che proponiamo ai ragazzi: laboratori di manipolazione dell’argilla, laboratori di disegno, di scrittura, di cucina, attività sportive e molto altro. GUARDA LA FOTOGALLERY

Il 13 giugno il Campo Scuola “Paolo Corna” ha aperto i propri cancelli al Campus Sport & Natura che durerà quattro settimane, fino a venerdì 8 luglio. Tra la pista di atletica e gli spazi verdi sono tantissime le attività che proponiamo ai ragazzi: laboratori di manipolazione dell’argilla, laboratori di disegno, di scrittura, di cucina, attività sportive e molto altro.

Lo scopo del nostro campus è quello di offrire ai giovani iscritti un’opportunità per socializzare e per passare il tempo in maniera produttiva. Non è necessario essere iscritti all’associazione Atletica Interflumina per poter partecipare al campus e le iscrizioni sono ancora aperte. Le giornate sono suddivise in due parti: la prima, dalle 14 alle 16, viene dedicata ai laboratori, mentre la seconda, dalle 16.30 alle 18, all’attività sportiva. Tutti partecipano ad entrambe le parti della giornata. Due appuntamenti rimangono fissi in tutte le 4 settimane: la gita e le Olimpiadi di Paolo Corna. La gita solitamente, si tiene di mercoledì mentre le Olimpiadi di venerdì.

Ma cosa succede in concreto? Durante la prima settimana abbiamo avuto modo di conoscere tutti i partecipanti e proporre quindi attività che servissero per fare amicizia. Camminando nel boschetto all’interno del Campo abbiamo trovato un oggetto non identificato, forse una piccola astronave, privo però del conducente. Sarà forse un alieno? Cosa ci fa qua a Casalmaggiore? Mentre pensavamo all’accaduto abbiamo deciso di metterci a giocare, in attesa di incontrare il nostro nuovo ospite.

Il mercoledì è arrivato molto velocemente e ci siamo impegnati in una lunga passeggiata in mezzo alla natura per arrivare al Centro Natura Amica di Gussola dove ci siam potuti rilassare dopo il viaggio. La gita è stata un’occasione per entrare in pieno contatto con la natura che ci circonda e per conoscere meglio i nostri compagni di viaggio con i quali, lungo la strada (che sembrava non finire più), abbiamo condiviso storie, barzellette e battute.

Al nostro ritorno, al campo, eravamo molto esausti ma felici per essere riusciti a compiere l’impresa. Il giorno dopo è arrivato al campo il professore Francesco Vitale che, grazie alla sua esperienza, ci ha mostrato come lavorare l’argilla. Abbiamo quindi deciso di sfruttare questa abilità per creare delle medaglie da utilizzare per le olimpiadi di Paolo Corna. Sui tondi di argilla posati sul tavolo sono stati rappresentati disegni diversi, si è lasciato spazio alla fantasia.

Con l’arrivo del venerdì ci siam completamente dedicati alla preparazione delle Olimpiadi: nome, stemma, motto e balletto sono stati definiti dai componenti delle squadre con grande impegno. Black Scorpions, Grandi Leoni Gialli, Triangoli Rossi e Dragoni verdi si sono sfidati nella gare: quiz a risposta multipla e staffetta bagnata sulla pista di atletica. La prima settimana si è così conclusa all’insegna del divertimento e del lavoro di squadra. Rimane però un dubbio: dove sarà finito l’alieno dell’astronave? Venite a scoprirlo!

Eleonora Galli

© Riproduzione riservata
Commenti