Eventi
Commenta

Venetia Picciola, si chiude
stasera a San Francesco il Festival

Il programma del concerto esplorerà l’evidente influenza di un compositore innovativo come Vivaldi sul linguaggio concertistico di Andrea Zani, tra i seguaci più originali del genio veneziano. Attraverso la forma del Concerto per violino risuoneranno le incredibili bellezze d’una musica sempre attuale. 

Si conclude venerdì 1 luglio (ore 21) alla Chiesa di San Francesco con “Il Seguace del Prete Rosso”, concerti per violino e orchestra di Andrea Zani e Antonio Vivaldi, eseguiti dalla Compagnia de Violini, Direttore e Violino Solista Alessandro Ciccolini, la prima edizione di Venetia Picciola Festival, direzione artistica Giuseppe Romanetti, promosso da Casalmaggiore International Festival, Comune di Casalmaggiore, Teatro Comunale e Fondazione Cariplo.

Nel 1729 a Casalmaggiore, sua città natale, Andrea Zani dà alle stampe la sua op. 2 “Sei sinfonie da camera ed altrettanti concerti da chiesa à quattro stromenti”, dedicata al duca Antonio Farnese, allora reggente di Parma e Piacenza, grande amante dell’arte. La raccolta è legata a un grande avvenimento avvenuto a Parma l’anno precedente: il matrimonio celebrato il 5 febbraio 1728 tra il Farnese e la principessa Enrichetta d’Este, figlia di Rinaldo, duca di Modena. In occasione delle nozze fu rappresentata l’opera “Il Medo”, del compositore partenopeo Leonardo Vinci, alla cui realizzazione parteciparono due celeberrimi cantanti: Carlo Farinelli e Antonio Maria Bernacchi (virtuoso del duca).

Il programma del concerto esplorerà l’evidente influenza di un compositore innovativo come Vivaldi sul linguaggio concertistico di Andrea Zani, tra i seguaci più originali del genio veneziano. Attraverso la forma del Concerto per violino risuoneranno le incredibili bellezze d’una musica sempre attuale. 

La Compagnia de Violini è nata dall’incontro tra il violinista barocco Alessandro Ciccolini e il clavicembalista e organista Francesco Baroni, docenti del Dipartimento di Musica Antica del Conservatorio di Parma: la comune passione per la didattica e la ricerca filologica trova il suo ideale compimento nel recupero del repertorio inedito italiano, nell’intento di favorire il futuro delle giovani generazioni di musicisti che intendono approfondire seriamente la ricerca e lo studio del repertorio di questo periodo storico e di consentirne la diffusione e la conoscenza presso un pubblico sempre più vasto. Ingresso libero. 

VENETIA PICCIOLA FESTIVAL

Direzione artistica Giuseppe Romanetti – Ricerca e organizzazione musicale Stefano Ghirlandi, Pietro Magnani, Vittorio Rizzi, Riccardo Ronda – In collaborazione con Parrocchia di Santa Maria Assunta di Vicobellignano, Parrocchia di Santo Stefano e San Leonardo in Casalmaggiore, Santuario della Madonna della Fontana, Associazione “Il torrione sul Po”, Fondazione Santa Chiara, Pro Loco Casalmaggiore, Società Musicale Estudiantina.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti