Sport
I commenti sono chiusiCommenta

Interflumina, dopo due anni di
stop torna l'Esagonale del Po

La grande novità di quest'anno è l'ospitalità per il pranzo a tutti i partecipanti nel tradizionale spirito dell'accoglienza, pranzo che verrà allestito sotto forma di catering nel prato della Cascina Sereni, futuro Ostello Interflumina

Dopo due anni di stop causa pandemia, si ravviva la bella Manifestazione di Atletica Giovanile Esagonale del Po che ha visto la sua nascita sulla pista in tenisolite della Città di Viadana domenica 4 ottobre 1981.

Ben 41 anni sono passati da quella data ed a causa di un precedente periodo di stop a cavallo degli anni 80/90, sabato 3 settembre a Casalmaggiore si celebrerà la 36^ Edizione di una delle più belle ed interessanti manifestazioni a livello giovanile dell’atletica leggera italiana.

Del  resto sono proprio le Province emiliane della Pianura Padana, da Piacenza a Modena, che sanno esprimere valori tecnici di altissimo prestigio. E’ sempre avvenuto nei lunghi anni della storia  dell’Esagonale i cui risultati saranno riportati nell’apposita brochure che verrà diffusa per l’occasione.

Per le Rappresentative di Cremona e Mantova l’Esagonale rappresenta sempre una grande opportunità per fare squadra, per unire i migliori giovani delle province, offrendo loro una occasione in più per esprimere le loro qualità atletiche e di amicizia.

La grande novità di quest’anno è l’ospitalità per il pranzo a tutti i partecipanti nel tradizionale spirito dell’accoglienza, pranzo che verrà allestito sotto forma di catering nel prato della Cascina Sereni, futuro Ostello Interflumina, straordinaria occasione per diffondere  informazione verso un Luogo che si caratterizzerà per la peculiare occasione di promuovere Turismo scolastico e sportivo, occasione di Formazione e di incontri degli Atleti di diverse Federazioni, in primis la FIDAL, la FISO ed il CSI a cui l’Interflumina si rivolge quotidianamente, ed essere Luogo di inclusione per tutti.

Nell’ambito della manifestazione verranno ricordati tre grandi Presidenti (Paolo Corna Fondatore, Amedeo Becchi di Boretto che ha contribuito a far nascere i germogli dell’atletica agonistica in diversi giovani di Casalmaggiore, Pietro Bonfatti Paini presidente Interflumina per vent’anni) che non ci sono più ma che non saranno mai dimenticati, ed ai quali verranno dedicate, nell’ordine, la Coppa della Classifica Assoluta fra Rappresentative, la Coppa per la classifica femminile e la Coppa per la classifica maschile. Anche tanti altri Dirigenti Interflumina che hanno fatto la storia dal 1968 e che ci hanno lasciato saranno ricordati nella brochure.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti

I commenti sono chiusi.