Politica
I commenti sono chiusiCommenta

Mobilità ciclabile e tangenziale:
due mozioni di Vappina in provincia

"La tangenziale ormai non è solo più una questione di viabilità ma di salute pubblica e la progettazione del futuro assetto urbanistico di Casalmaggiore non può farne a meno". GUARDA IL SERVIZIO TG DI CREMONA 1

Tangenziale e mobilità dolce. Questi gli argomenti delle due mozioni presentate dal consigliere provinciale con delega all’ambiente Fabrizio Vappina allo stesso consiglio provinciale.

TANGENZIALE – Sui motivi Vappina è molto chiaro. “La tangenziale ormai non è solo più una questione di viabilità ma di salute pubblica e la progettazione del futuro assetto urbanistico di Casalmaggiore non può farne a meno“. La mozione è un richiamo alla Regione affinché si faccia carico dell’infrastruttura non più procastinabile. “Non è più tollerabile il continuo rimpallo della complementarietà a qualcos’altro. Non mi aspetto grandi risultati, come al solito, ma non si può mollare e stavolta sarà la Provincia, quantomeno spero, a chiederlo, richiamando una sua delibera del 2014. E’ un modo per ricordare alla Regione che il problema c’è, si è aggravato e anche la Provincia se ne fa carico, o almeno portavoce“.

MOBILITA’ CICLABILE – La seconda mozione parte dal Piano Generale della mobilità ciclistica urbana ed extraurbana approvato dal Ministero delle Infrastrutture. “Sulla mobilità dolce si approvano bellissimi documenti e atti normativi a cui faticosamente si vede dar concreta attuazione. Nell’attività amministrativa molto difficilmente si riesce a far rientrare la voce di spesa per supportare questo tipo di mobilità. Bisogna ribadire in ogni sede politica e amministrativa che trovare risorse e idee per questo tipo di mobilità è, oltre che un dovere giuridico, anche un affare in termini economici. Bisogna cercare di evitare il rischio che nella prossima progettazione delle infrastrutture viabilistiche ci si scordi di questo Piano Generale della mobilità ciclistica che non è un elenco di sogni della FIAB ma un atto normativo vincolante“. Il consigliere delegato si attende di “Ottenere la mappatura delle possibili o potenziali vie ciclabili del territorio provinciale  in grado di collegare le Casalmaggiore, Cremona e Crema e magari il territorio parmense. Mappatura che potrà servire per i redigere progetti per partecipare a bandi o da far presente nel caso di progettazione di nuove infrastrutture“.

Le due mozioni sono allegate qui: MOB. CICLABILE – TANGENZIALE CASALMAGGIORE

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti

I commenti sono chiusi.