Cronaca
I commenti sono chiusiCommenta

Viadana, efficentamento energetico:
2,7 milioni finanziati dal PNRR

Gli immobili oggetto dell’intervento sono i seguenti: via San Francesco 33/A, 33/B, 33/C, 33/D, 33/E, 33/F e 33/G; via San Francesco 35; via Mazzini 56; via Giulio Romano 20 (a San Matteo delle Chiaviche); via Buozzi 49 (Sabbioni)

Nel corso della seduta di giovedì 29 settembre la giunta comunale ha approvato il progetto esecutivo della riqualificazione edilizia residenziale pubblica relativa agli alloggi di proprietà comunale, nell’ambito del fondo complementare Pnrr.

L’intervento riguarda una serie di immobili a uso residenziale, di proprietà del Comune, che richiedono opere di efficientamento energetico e adeguamento sismico. Per tali caratteristiche, gli immobili rientrano nel programma “Sicuro, verde e sociale: riqualificazione dell’edilizia residenziale pubblica” inserito all’interno del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza.

Gli immobili oggetto dell’intervento sono i seguenti: via San Francesco 33/A, 33/B, 33/C, 33/D, 33/E, 33/F e 33/G; via San Francesco 35; via Mazzini 56; via Giulio Romano 20 (a San Matteo delle Chiaviche); via Buozzi 49 (Sabbioni).

Il quadro economico complessivo è pari a 2 milioni 777mila 204,04 euro. Importo interamente finanziato tramite contributo Pnrr. Una parte importante dell’intervento, pari a 1 milione 390mila 962,16 euro, riguarda l’immobile di via San Francesco 33, l’unico per il quale si procederà alla demolizione e alla successiva ricostruzione. Gli altri edifici saranno invece oggetto di ristrutturazione a fini di risparmio energetico e adeguamento sismico: per via San Francesco 35 l’importo è pari a 289.842,32 euro; per via Mazzini 56 367.063,68 euro; per via Giulio Romano 404.260,15 euro; per via Buozzi 274.963,24 euro.

I bandi per l’assegnazione dei lavori devono essere pubblicati entro il 31 dicembre 2022, mentre l’aggiudicazione dei contratti per l’esecuzione dei lavori deve essere effettuata entro il 31 marzo 2023. L’avvio dei lavori dovrà avvenire entro il 30 giugno 2023, e i lavori stessi dovranno essere terminati entro il 31 marzo 2026.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti

I commenti sono chiusi.