Eventi
I commenti sono chiusiCommenta

Rivarolo del Re, il teatro inaugura
in difesa delle donne con Luce

Era presente anche una delegazione di MIA, Movimento Incontro Ascolto, e dei Carabinieri della stazione casalasca. Ricordiamo che a Rivarolo del Re pochi mesi fa venne inaugurata una panchina rossa, proprio per sostenere simbolicamente la lotta alla violenza di genere.

E’ stato dunque inaugurato il rinnovato Teatro Comunale di Rivarolo del Re: e l’evento che ha dato il via alla nuova vita dello stabile non è stato casuale né di poco conto. Si tratta infatti della messa in scena di “Luce”, spettacolo che ha come tema portante la violenza sulle donne. Uno spettacolo che aveva esordito in terra reggiana e poi era stato anche a Sabbioneta nel 2021, per poi “affrontare” altri palcoscenici tra le province di Reggio Emilia, Parma, Cremona e Mantova.

Diretto da Erica Muraca, “Luce” vede la recitazione ispirata di Chiara Sassi e Agostino Rocca, che propongono – sotto la supervisione della criminologa ed esperta del tema della violenza di gente Maria Rosaria Palmigiano – i meccanismi di una copia malata, dove l’uomo sottomette la donna, che di fatto è libera di sentirsi se stessa e di esprimersi soltanto quando si chiude nella propria camera a cantare, lontana dal mondo esterno.

QUI SOTTO IN VIDEO UN MOMENTO DELLO SPETTACOLO

Presentata da Paolo Montanari, la serata ha visto ovviamente il saluto iniziale di Luca Zanichelli, sindaco del paese, che ha ringraziato la comunità per avere risposto numerosa alla prima e si è augurato di avere iniziato – grazie ai fondi per la riqualificazione intercettati da bandi ministeriali e dal Gal Oglio Po – un nuovo percorso per il teatro rivarolese, investendo 300mila euro complessivi. Era presente anche una delegazione di MIA, Movimento Incontro Ascolto, e dei Carabinieri della stazione casalasca. Ricordiamo che a Rivarolo del Re pochi mesi fa venne inaugurata una panchina rossa, proprio per sostenere simbolicamente la lotta alla violenza di genere.

G.G.

© Riproduzione riservata
Commenti

I commenti sono chiusi.