Cronaca
Commenta

Chiude "Il Sorriso di Mietta": "Grazie
a tutti, tanti gli obiettivi raggiunti"

"Non riuscirei a nominare tutte le persone che ci hanno aiutato in questi anni siete stati preziosi per la nostra battaglia, ma vi ringraziamo tutti, veramente col cuore".

L’associazione “Il Sorriso di Mietta”, sorta per aiutare Mia Martelli, la bambina classe 2013 affetta da una rara malattia genetica, chiude. Ma non è affatto una brutta notizia. Come infatti i genitori di Mia hanno annunciato, i progressi ci sono stati e lo scopo – o almeno molti degli scopi – per il quale era nata l’associazione è stato raggiunto.

“In questo periodo – si legge – abbiamo portato avanti tutti gli impegni e le attività della nostra principessa: tranquilli, lei sta bene grazie a Dio, volevamo informarvi però che a breve la nostra associazione chiuderà, ve lo comunichiamo con tanta tristezza, ma non riusciamo più a seguire tutto a seguito di problemi personali”.

“Vorremmo ringraziarvi – prosegue il post – e non sarà mai abbastanza la gratitudine nei vostri confronti, persone che come voi hanno saputo portare nella nostra vita così tanta speranza, sollievo e calore, grazie per tutte le terapie, materiali per la nostra guerriera dell’amore, per il conforto, le preghiere”.

“Grazie a voi Mietta ha imparato a leggere, comunicare, mangiare e anche se non sta in piedi, vogliamo sperare che con altrettanto lavoro davanti un giorno magari possa farlo: la strada è lunga ma non smetteremo mai di lavorare. La nostra intenzione è quella di lasciare questa pagina (il riferimento è alla pagina Facebook, ndr) come blog personale, perché sappiamo che dietro a questo schermo ci sono persone che ci vogliono bene e vorremmo continuare ad aggiornarvi su tutti i progressi futuri. Non riuscirei a nominare tutte le persone che ci hanno aiutato in questi anni siete stati preziosi per la nostra battaglia, ma vi ringraziamo tutti, veramente col cuore. Grazie ancora e infinitamente per tutto. Con tanto affetto Mietta e la sua famiglia”.

redazione@ogliponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti