Solidarietà
I commenti sono chiusiCommenta

Lions Viadana, sindrome di Rett,
Adotta un ricercatore dà buoni frutti

Innanzitutto, grazie all’anno di ricerca/dottorato finanziato dai Lions è stato possibile aggiungere altri due anni finanziati dal ministero, intercettando un bando che poneva come condizione proprio il fatto che un anno fosse a carico di un ente esterno

Il progetto Adotta un Ricercatore per la Sindrome di Rett promosso dal Lions Club Viadana Oglio Po sta già producendo risultati importanti: è quanto riferito dalla Prof.ssa Nicoletta Landsberger e dalla Ricercatrice Dott.ssa Maria Balbontin nel corso dell’incontro organizzato dal club del Presidente Torresani.

Innanzitutto, grazie all’anno di ricerca/dottorato finanziato dai Lions è stato possibile aggiungere altri due anni finanziati dal ministero, intercettando un bando che poneva come condizione proprio il fatto che un anno fosse a carico di un ente esterno, oltre al partenariato di una azienda individuata a Verona.

Considerata la scarsità di risorse e la difficoltà nel fare ricerca in Italia, è proprio il caso di dire che la dea bendata stavolta ci ha visto benissimo, consentendo di realizzare una sorta di “paghi uno, prendi tre”.

La ricerca in laboratorio ha consentito di scoprire e sperimentare alcune cellule staminali che, somministrate a cavie malate, inducono recupero di memoria e di capacità motoria. L’obiettivo è comprendere quali sostanze benefiche rilasciano le staminali ed identificare anche altre molecole utili.

Ad oggi, non esiste ancora un farmaco per le malattie del neurosviluppo, ma nel giro di qualche mese dovrebbe uscire negli Stati Uniti una neurotrofina in grado di aiutare i malati di Sindrome di Rett.

L’energia e la passione trasmessa dalle relatrici, ringraziate anche dal Sindaco di Viadana Nicola Cavatorta intervenuto per un breve saluto, ha contagiato i presenti, nella consapevolezza che la ricerca è necessaria proprio perché fa scoperte nuove e talvolta inaspettate.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti

I commenti sono chiusi.