Solidarietà
I commenti sono chiusiCommenta

AFM, Rotaract CVS e CAV: 3mila
euro di prodotti per i più piccoli

"Siamo pienamente soddisfatti - ci spiega il presidente di AFM Marco Ponticelli - per l'esito della raccolta benefica di prodotti per l'infanzia devoluti al CAV di Casalmaggiore". GUARDA IL SERVIZIO TG DI CREMONA 1

La Giornata Mondiale per i diritti per l’Infanzia celebrata nel migliore dei modi: Rotaract CVS, CAV (Centro Aiuto alla Vita) di Casalmaggiore e AFM (Azienda Farmaceutica municipalizzata) hanno fatto centro. Materiale (ad uso pediatrico) per un controvalore di circa 3000 euro, in parte messo già a disposizione del CAV che si occuperà di smistarlo alle famiglie con maggiori difficoltà.

Siamo pienamente soddisfatti – ci spiega il presidente di AFM Marco Ponticelliper l’esito della raccolta benefica di prodotti per l’infanzia devoluti al CAV di Casalmaggiore, riscontrato nel corso della giornata di sabato; sulle tre farmacie comunali AFM Casalmaggiore sono stati raccolti un controvalore di prodotti donati pari a 3 mila euro; prodotti che sono già stati consegnati al CAV tra sabato pomeriggio e ieri. Una raccolta in linea con le nostre aspettative, stante gli ottimi risultati conseguiti lo scorso anno. Un ringraziamento particolare al Presidente del Rotaract Club Casalmaggiore, Viadana e Sabbioneta ed a tutti i soci volontari per la proficua collaborazione profusa nel corso dell’iniziativa al servizio della nostra comunità. Ancora una volta la solidarietà della nostra clientela, che ringrazio, non è venuta meno. Un’iniziativa ad alto valore sociale che sicuramente ripeteremo a febbraio in occasione della giornata raccolta del farmaco“.

Anche il presidente Rotaract CVS Sebastiano Fortugno esprime soddisfazione: “Paul Harris diceva che il Rotary esorta all’azione, non inibisce l’attività. L’ideale non è mai la passività. Partecipando alla campagna benefica a favore del Centro Aiuto alla Vita di Casalmaggiore (CR), il Club che mi onoro di presiedere ha espresso con i fatti l’attualità di questa citazione. Un rotaractiano sa che un’operazione a beneficio di un ente, privato o pubblico che sia, per essere considerata servizio non può ridursi ad un mero travaso di denaro dalle casse della propria tesoreria all’IBAN del beneficiario prescelto. Questa sarebbe un’alta e nobile transazione economica ma non un’azione rotaractianamente intesa. Per arrivare a fregiarla di tale qualifica è necessario il passaggio attraverso l’impegno in prima persona di soci ed aspiranti. È mediante la concretezza e la motivazione della loro risposta alle richieste della società che si delinea pubblicamente l’immagine dell’Associazione e si fonda la credibilità del suo agire. Per queste ragioni, mi sia permesso di formulare un sincero ringraziamento a Christian Soldi, Elena Bocchi, Giuseppe Belluzzi, Francesca Orlandini, Giuseppina Criscuolo e Valeria Goi per la disponibilità che hanno prontamente offerto allo svolgimento dell’iniziativa e, insieme a loro, ai presidenti di AFM e CAV per aver pensato al Rotaract come primo collaboratore. I felici risultati che l’evento ha ottenuto credo che siano più loquaci di altre parole“.

Infine la presidentessa del CAV Maria Grazia Pelizzoni che segue un centinaio di famiglie in grave disagio sul territorio casalasco: “Anche quest’anno sono felice di poter dire che l’iniziativa di aiuto e fiducia nei confronti del Centro di Aiuto alla Vita, voluta dall’AFM, ha ricevuto una ottima risposta, mostrando una cittadinanza molto attenta ai bisogni delle famiglie fragili con figli piccoli. Il prossimo Natale sarà più gioioso per le persone che ricorrono alla nostra Associazione, grazie alla generosità di tante persone sensibili“.

N.C.

© Riproduzione riservata
Commenti

I commenti sono chiusi.